E per bacio una stella
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

E per bacio una stella

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Nuvole rosa e lago con panorama
Nuvole rosa e lago con panorama

 

La Natura c'insegna il valore della privacy e della individualità. Se ognuno non fosse che la copia degli altri, che senso avrebbe l'amore in quanto assaporamento della unicità altrui? Chi saremmo se non viandanti soli in un amalgama indistinto? Nella Natura l'amore è fertilità che dona bellezza e colori insegnando il valore della stima per se stessi che significa, quando occorre, mettere delle barriere tra il noi di copia e gli altri. Viscido altrimenti apparirebbe il tutto, senza la capacità di soffermarsi anche solo per cogliere una rosa tra le balle di fieno.

Ci selezioniamo e ci scegliamo di volta in volta con l'amore, ritornando nelle ere che passano tra storie e racconti e volte di stelle. Inviolabile e sacro si fa il cielo all'imbrunire e in quella scioglievolezza che rimanda all'intimità del noi. E poi da qui, da questo incontro che ritorna, piano piano la notte si rivelerà, profumando di stelle e di nuova vita.

 

E per bacio una stella

Fioriscono le nubi,
dove galleggiano le anime.
Sono scogli o illusorie piume del cielo.
Sono faraglioni di sogni di amori mai esistiti.
Raccogliamo tutto ciò
e ne facciamo corone
che adornino le sponde
su cui si adagiano gli amanti.
Come in cielo,
le siepi accendono e nascondono
ciò che agli occhi degli altri mai si denuda.
È una tenda la cortina di nubi
dove si ritira il privato
e nel boato che trafigge il cielo,
tra gli ultimi spasmi
fioriranno le stelle.

L'inizio della fine,
lo schiocco del tempo
a un bacio rubato.
Tutto è qui ora,
sazio e imperdibile
come mai lo è stato.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.