Come un filo d'erba
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Come un filo d'erba

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Potrebbe essere un'immagine raffigurante cielo e crepuscolo

 

I colori sono memoria latente eppure fertile di ciò che è stato. Sono il nostro universo nell'universo del tempo. Altro gli odori. L'odore è singolare e trascende le coordinate spaziotemporali. S'imprime e ci fa scegliere chi siamo e cosa portare dentro di noi. Gli animali si scelgono in base all'odore che crea la forma e definisce, diversamente da noi per i quali l'odore è l’infinito non circoscrivibile in alcun amplesso.

Il primo odore che ci lega è quello materno e del latte che succhiamo dal seno. L'odore dell'amato ci ricongiunge alla sua e alla nostra natura ancestrale e quindi divina. L'odore è Dio nel mondo se aleggia come profumo. Altrimenti è la nostra grotta primordiale che ci viene incontro riconducendoci alla primitivita' selvaggia. Al preambolo di Dio.

Per un gatto o altro animale non importa se il compagno o la compagna siano belli o sani. Un animale ferito o con un arto fuori uso sarà comunque accettato per il suo odore e troverà il partner corrispondente. L'odore per noi è orma o nuvola, per loro è forma e recinto tangibile che fa scattare l'istinto del possesso. Qualcosa di caro o qualcuno di molto vicino e a cui riunirsi come una parte di carne mancante con cui ridiventare completi. Questo dovrebbe eessere l'unita’ del due o meglio, il ripristino di quell’ integrità a cui sovente noi umani ci sottraiamo.

 

Come un filo d'erba

Come fili d'erba al fiato dell'acqua
o passeri al pascolo
tra le praterie di azzurre altezze.
Ovunque andiamo,
ricordiamoci che siamo cielo
e splende su di noi
la leggerezza delle anime.
Siamo anima e siamo cielo
sotto il tetto di acqua
flessibile
che ci riassorbe.
Siamo nella valle degli angeli
e nel germoglio di luce tra gli astri.
Tutto è in seno al principio delle cose
fresca rugiada
che ci nutre e ci attraversa.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Redazione