E mi rendo piccolo
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

E mi rendo piccolo

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
The Star Talers by Paul Hey
The Star Talers by Paul Hey

 

Nasciamo grandi e ci pieghiamo poi alla vita. C'incurviamo per aprirci ed estenderci e ci flettiamo per riavvolgerci e contenere, prima di perdere tutto alla fine del viaggio. La curva è il ventre e la curva è improvvisa via di fuga. È la sorpresa del destino che vuole la partita vinta su tutto e ci sprona a sfidarlo.

Siamo macchine con un'anima e il pensiero nel cuore, che salgono e scendono alla ricerca di un senso a tutto questo. Quando basterebbe soltanto fermarsi a riflettere su chi siamo quando nasciamo, un grumo di stelle che si china sulla terra. Siamo grandi e invisibili nella notte che splende e illumina il cielo. Da qui ci caliamo piccoli nel fiotto delle cose, nel flusso della vita che ci governa e ci anima. Allora la vita cos'è se non manifestazione dell'Essere che ci conduce? E noi chi saremmo se non individui in cerca di un ruolo in cui essere completi, e madri e padri contemporaneamente? È delle anime compiute abbracciare la totalità conquistabile da chi si fa piccolo ed entra in tutte le cose. Perché il senso non è nel possedere ma nel penetrare nel cuore del tutto. Farsi piccoli per ritrovarsi grandi.

 

E mi rendo piccolo

Mi metto in piedi
per raggiungerti e
m'inginocchio per accoglierti.
Mi rendo piccolo
per entrare in te
e grande per contenerti.

Madre, tu sei la vita
e la via in me hai tracciato.
Non è una retta, non è una curva.
È un castello magico
dove si entra e si esce
e siamo in due,
tanti mai troppi
che s'incrociano
nella vastità dei mondi,
dopo strade e viaggi,
per ritrovarsi. Per abbracciarsi.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.