Dogma ed enigma. La regalità della donna
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Dogma ed enigma. La regalità della donna

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Claudia Salvadori – Cogli la prima mela
Claudia Salvadori – Cogli la prima mela

 

Non c'è testo sacro che non sia stato scritto rivolto alla donna e alla sua fonte di magnetica esaustività che presiede ogni forma materica. Non c'è poesia elevata che non si esprima come vellutato tributo alla donna e ai suoi segreti più vividi che alimentano l'enigma affascinante delle multiforme espressioni di vita.

Se l'uomo è il dogma, la donna è l'enigma pulsante che mantiene in vita il senso di ogni esistere. Il volto segreto e carezzevole di Dio si cela dietro il compassionevole candore di una donna. Non può esserci moglie senza il rigoglioso sviluppo di una madre portato all'esponenziale potenza che flette le spine e ribalta i troni della lasciva arroganza. Ci si siede sui sassi levigati della vita grazie alle ginocchia e al sudore versato dalla donna che lava le coscienze.

Se siamo è in virtù del Dio bambino che si è flesso e riflesso nello specchio raccolto del ventre di una donna. Se c'è chi si sdraia al sole e si piega a raccogliere un fiore in seno a una tempesta, è perché la voce di una donna mormora in lui e lo ascende alla leggerezza dello spirito.

Siamo materia pulsante che ricerca il brivido delle stelle disseminate sul drappo del cielo. Non dimentichiamo, né osiamo disperderci nel grembo del dolore che ottunnde e ci slaccia dal profumo che s'innalza da ogni colpo d'ala che schiuma incontro al cielo.

Ricordiamo sempre che la donna vergine e madre è colei che crea il tripudio della danza grazie al quale le distese d'acqua si congiungono al cielo e la pioggia diviene seme che accarezza e nutre la sostanza di ogni vita.

 

Dogma ed enigma. La regalità della donna

L'attesa di una donna
è un germe che matura
nel vento.
L'attesa di una donna è speranza
che ha spinto le generazioni a venire,
levandole dal limbo del nulla.
Non esiste bellezza né amore
senza il brivido del dolore
che smuove e redime
chi ha il volto del cielo
e le sue mirabili grandezze
nel proprio cuore.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.