La scultura come definizione
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La scultura come definizione

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Cielo stellato - Emil Nolde
Cielo stellato - Emil Nolde

 

Un soffio di luce sfiora le nubi appena sopra l'orizzonte. Sono labbra che si chinano a baciare il fiore della notte e poi subito si richiudono nel loro velluto privato. Gli occhi sfiorano e prendono il nettare delle immagini, che subito fugge dopo aver colpito lo sguardo. Ci colpisce ciò che poi scolpiamo in noi e ci definisce. Abbiamo bisogno di prendere per definirci e dare luce a noi stessi. Apprendere per formarci, e in questo si svolge il disegno sublime della gratitudine.

Cos'è costei se non il frutto di una immersione nel senso delle cose? Nel loro grembo o succo primordiale da cui elevarsi fino a sposare il cielo? Non può esserci gratitudine nell'arrendevolezza codarda che chiude la porta al destino e alle svolte della vita. La gratitudine è riuscire ad essere nonostante tutto. È vagliare e valutare, e poi conoscere.
Il fiore sboccia e si schiude, portando alla luce se stesso. È questo il dovere e il vero fine della Natura, che spesso l'uomo dimentica. Realizzarsi, portando alla luce se stesso.

 

La scultura come definizione

Le labbra sono occhi
che sfrecciano e nuotano
sulla pelle dell'abisso.
Sono occhi che toccano e carpiscono
e armano il desiderio.

C'è risolutezza nello sguardo che coglie
e si realizza
senza consumare alcun pasto prelibato.
Ogni stella rimane al suo posto
come merletto tenue
che straborda dalle pieghe dell'anima.
E la notte è di per sé incenso
che si leva ai trilli dell'alba
nella soddisfazione muta
che intona versi
ai desideri.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.