In miracolosi frangenti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

In miracolosi frangenti

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
In miracolosi frangenti
In miracolosi frangenti

 

Incontriamo chi non conosciamo e qui è il vero senso di ogni incontro, a prescindere che sia momentaneo o il preludio di una relazione profonda. Conoscere è quindi riappropriarsi di uno sconosciuto a noi tanto caro a monte del tempo. Ritroviamo noi e loro nei sogni, anime dimenticate perché traslate in luoghi in cui ci sembra di naufragare al presente per miracolosi frangenti.

Ottobre e il suo cielo ci preparano sl sacro congiungimemento di vita e di morte che avverrà a Novembre e si concluderà col Natale. In tale prospettiva il sopraggiungere dell'inverno assume carattere di compimento. Della vita che risorge in eternità sulla morte. Il cielo apre i suoi cancelli e assume la forma di un ringraziamento rivolto alla terra grembo di semi e di ricordi.
Siamo concreti quando ritroviamo noi stessi nelle enigmatiche pieghe di altre vesti. Siamo noi quelle anime e con noi per altre vie rincrociamo i passi.

 

In miracolosi frangenti

Flotte di anime ci giungono incontro
nei sogni che popolano
i nostri sonni enigmatici.
Chi sono?
Parenti antichi da noi travestiti,
geografie dell'anima cristallizzate
in volti e parole.

Sono le quattro prima dell'alba.
Consolazione e volo
verso un altrove mai tastato,
eppure presente e toccante.
Mi sento a mio agio
ora, dopo lo stupore tramortito
di quest'incontro che parla
un linguaggio disceso dal futuro
ma che ha radici lontane.

È mistero la tua visita,
un tenue andare che mi porge gioia
e il profumo di una delicata simbiosi
tra chi sono io
e la tua mano che mi stringe.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.