Desiderio e desiderio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Desiderio e desiderio

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Vladimir Kush
Vladimir Kush "Birth of Love"

 

C'è desiderio e desiderio. Non tutti i desideri sono uguali, nonostante la parola del cielo sia effusa nella polvere siderale che si spegne sulla terra portando a compimento se stessa. C'è il desiderio che rinviene dalla notte dei tempi a un richiamo di appartenenza e contiene il senso del proprio esserci, e il desiderio che è perdizione nell'attimo che si estingue. Il desiderio che è capriccio di un bambino che urla e pretende .

C'è desiderio e desiderio, così come insoddisfazione e insoddisfazione. La prima è di chi si rotola nella noia e non trova stimoli e bellezza in nulla. La seconda invece è di chi nonostante tutto cammina e gode della semplicità che ha dentro, ben sapendo che la più piccola presenza dell'Universo è un richiamo a chi ancora attende da cicli di ere e spazi del Cosmo.
L'amato è in ogni cosa, perché a lui aderiamo come alla roccia della caverna da cui siamo sgusciati in questa vita.

 

Desiderio e desiderio

C'è desiderio e desiderio.
Il grido sommesso di un bimbo
che cavalca da solo le dune del deserto
in cerca di acqua,
perché nell'acqua è il suo respiro.
C'è desiderio ma non necessità
nell'evasione di un istante
umettato di polvere rossa,
una boccata d'aria
nella fuliggine dei giorni.

C'è il mio sospiro a un desiderio
appeso alla fune di un aquilone
mai visto e che pure ha i contorni
della povere d'oro e d'argento
che imbrattava la mia casa.
C'è il mio desiderio e ci sei tu,
le spalle poderose che trattengono
le falde dei monti
e i loro rigagnoli verdi
che si tuffano nelle anse larghe dei fiumi.

Il mio desiderio non è un capriccio.
È l'essenza della vita
che in te si spiega,
come tu fossi una vela
nel mare aperto,
che fa ritorno al suo porto sicuro.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.