Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

18
Mar, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-nut-tda-002

Abbiamo 91 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-001

Ho sempre fame, perchè? Differenza fra fame naturale, falsa e sazietà

Ho sempre fame, perchè? Differenza fra fame naturale, falsa e sazietà

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sono tante le persone che divorano un alimento dopo un altro perché avvertono una fame incredibile. Ma questa può essere definita fame naturale oppure è falsata dal costante consumo di zuccheri? Nell’articolo spiegherò le differenze in modo da consigliarvi come porre fine a questa continua sensazione che vi assale.

Ho sempre fame, perchè? Differenza fra fame naturale, falsa e sazietà
Ho sempre fame, perchè? Differenza fra fame naturale, falsa e sazietà

 

Fame, appetito, sazietà

Spesso nella vita quotidiana i termini fame, appetito e sazietà si confondono, ma in realtà hanno significati completamente diversi. La fame, se naturale, è un segnale che percepiamo quando il nostro organismo ha bisogno di energia, a causa di un maggiore dispendio energetico avuto o per carenza di cibo; l’appetito, invece, è una sensazione spesso gestita da stimoli sensoriali e dalla visione del cibo, anche in assenza di fame, la cosiddetta “acquolina in bocca”. Dopo aver mangiato ci sentiremo sazi, ovvero tramite ciò che si definisce sazietà, riusciremo ad arrivare al pasto successivo senza fame, poiché avremo fornito al nostro corpo la quantità di energia necessaria. A regolare tutti questi stimoli sono sempre loro, i famosi segnali (detti anche ormoni), che a seconda del momento inviano informazioni al cervello.

A chi non è mai capitato di passare davanti ad una panetteria o pasticceria ed avere voglia di un bel dolce o panino appena sfornato? Penso proprio a chiunque, poiché l’olfatto genera nella persona sensazioni piacevoli che richiamano l’alimento e che inviano al cervello, stimolando così l’appetito. Mentre la fame e la sazietà sono regolati da meccanorecettori e chemorecettori che si trovano in prossimità di stomaco ed intestino e che a seconda del tipo di nutrienti che si ingeriscono e dei movimenti peristaltici inviano il segnale di stop o di continuazione al cervello.

Fame naturale, fame falsata

Ma perché ci sono dei periodi in cui sentiamo sempre fame? Oltre alla possibilità che non stiamo mangiando a sufficienza, vi è un altro caso in cui la fame si manifesta anche dopo poche ore dall’ultimo pasto. Ciò succede quando un ormone, chiamato insulina, va in circolo creando un picco, in quanto il lavoro che è stato richiesto per far abbassare la glicemia è esagerato. Per spiegarlo molto semplicemente, immaginiamo di mangiare un dolce con farine bianche, zuccheri e cioccolato al latte, anche il cornetto della mattina; dopo circa due ore dalla colazione origina una fame da lupi che diventa insaziabile e si comincia a mangiare di tutto e di più, ma soprattutto altri dolci e caramelle. Ciò che succede è un aumento eccessivo della glicemia, che deve essere placato dall’insulina, la quale svolge la sua azione ed abbassa al di sotto della sua soglia la glicemia plasmatica, generando una condizione di ipoglicemia reattiva; in questo stato andiamo alla ricerca di cibi zuccherini, ci sentiamo stanchi, poco concentrati ed insaziabili.

Questa è la condizione chiamata fame falsata, perché non si genera per carenza di cibo, ma per carenza di qualità di cibo. Un’altra situazione simile si genera anche dopo aver mangiato solo un primo piatto a pranzo. Il consumare solo carboidrati, magari anche raffinati, fa lavorare maggiormente l’ormone insulina e la sensazione generata è il languorino alle 4 del pomeriggio.

Come “ascoltare” la nostra fame naturale

Quando scegliamo i pasti da consumare a partire dalla colazione, spesso si compie l’errore di sbilanciare i piatti verso i carboidrati, poiché tentati sia dall’insulina che dal modo di mangiare all’italiana (cornetto e caffè, spaghetti al sugo, pizza margherita). Ma come dovremmo, invece, mangiare? Ogni nutriente che assumiamo è in grado di garantirci un periodo a breve o lungo termine di sazietà; ad esempio, i carboidrati, sono quelli che consentono una sazietà di poche ore, perché la loro digestione inizia fin dalla bocca e arrivati nell’intestino vengono assorbiti velocemente nel sangue. Le proteine, invece, ci regalano maggiore sazietà ed a lungo termine, sia perché iniziano la loro digestione nello stomaco, sia perché prima di essere assorbiti subiscono ulteriori trasformazioni; infine, vi sono i grassi, digeriti solo nell’intestino, motivo per il quale anche questi riescono a saziare a lungo, anche se a causa del loro gusto piacevole si rischia di consumarne troppi.

Quindi che tipo di pasto dobbiamo scegliere per avvertire la nostra fame naturale? Dovremmo iniziare a mangiare già a partire dalla colazione una fonte di carboidrati integrali, una di proteine ed una di fibre, iniziando il pasto con un po’ di frutta o verdura cruda. La funzione della frutta prima dei pasti è quella di creare una sorta di maglia fibrosa a livello intestinale che possa ridurre la velocità di assorbimento dei carboidrati, inoltre, mettendo insieme i tre elementi il lavoro dell’insulina non sarà lo stesso di quello descritto in precedenza. Un esempio di menù di colazione potrebbe essere una bella macedonia di frutta fresca di stagione, crepês con marmellata senza zucchero, un po’ di frutta secca e semi vari; un esempio di pranzo potrebbe essere un piatto di pasta integrale con gamberetti e zucchine con contorno di verdure, mentre a cena ci manteniamo più leggeri con un minestrone di verdure, tonno e crostini di pane integrale. Come potrete notare tutti e tre i pasti contengono le tre fonti di nutrienti citate sopra, non sono piatti difficili da preparare e, soprattutto, non ci faranno più percepire la spiacevole sensazione che ci ha reso un po’ più “gonfi” del solito.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-botton-ads-nut-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001