Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

17
Lun, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-nut-tda-002

Abbiamo 67 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-001

Mangio poco e prendo peso. Le diete ipocaloriche che rallentano il metabolismo

Mangio poco e prendo peso. Le diete ipocaloriche che rallentano il metabolismo

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Non sono poche le persone che seguono una dieta ipocalorica per un po’ di tempo, dimagriscono inizialmente, ma poi pur mangiando poco non riescono a perdere peso. Perché succede? Il nostro organismo è economo, per cui se non gli forniamo abbastanza energia tenderà a conservarne sotto forma di grasso. Leggete l’articolo per saperne di più.

Mangio poco e prendo peso. Le diete ipocaloriche che rallentano il metabolismo
Mangio poco e prendo peso. Le diete ipocaloriche che rallentano il metabolismo

 

Dieta ipocalorica = sacrificio

Specifico sempre il significato della parola dieta, che non è restrizione o sacrificio, ma fa parte del proprio stile di vita. Purtroppo, però, come dice anche il titolo del paragrafo, la dieta viene spesso intesa come quella ipocalorica e, quindi, un sacrificio. Ma cosa significa ipocalorica? Se analizziamo la parola riusciamo a capire che le calorie che è in grado di fornirci questo tipo di dieta sono di meno rispetto al nostro fabbisogno energetico. Ma allora perché scegliere di mangiare meno di quanto dovremmo per dimagrire, pur ottenendo gli stessi risultati mangiando normocalorico?

Il problema sta nella diffusione troppo elevata del significato sbagliato di dieta. Da sempre il concetto di dimagrimento è stato espresso come restrizione e la gente quando mangia di meno o un’insalatina a pranzo e cena, è felice perché tanto si dimagrisce e pure in fretta; certo, ma poi che succede?

Cosa succede durante le diete ipocaloriche?

Nonostante possano verificarsi anche grandi risultati sulla bilancia, allo specchio o esaminando la composizione corporea non saremmo felici allo stesso modo. Infatti, ciò che si perde quando si sceglie di seguire una dieta ipocalorica è muscolo ed acqua. Riflettiamo. Mettete a confronto una persona che sceglie di mangiare bene tutto l’anno, muovendosi e non facendo sacrifici a tavola, con una persona che mangia male e che 5 mesi all’anno fa una dieta ipocalorica. Quale fra i due ha un fisico migliore? Da sottolineare il fatto che il primo caso fa movimento quotidianamente. Ovviamente il primo presenterà muscoli tonici e grasso nella norma, il secondo sarà dimagrito ma con muscoli flaccidi e grasso anche maggiore della norma.

Vi spiego cosa succede. Il nostro organismo, come dicevo prima, è economo per cui se si accorge che non gli stiamo dando abbastanza energia cerca di produrne dal muscolo, conservando però le riserve di grasso, che potrebbero essere utili in un periodo lungo di carestia. Si tratta di un meccanismo che abbiamo ereditato dai nostri avi preistorici, poiché in periodi di digiuno per vivere veniva utilizzata la riserva di grasso creata nel periodo di caccia.

Infatti, inizialmente durante la dieta ipocalorica siamo felici perché perdiamo e pure tanto, ma quando si accende il campanellino d’allarme del nostro organismo, pur mangiando poco non riusciamo a dimagrire, anzi tende anche ad accumularsi, poiché il metabolismo rallenta.

La scelta migliore

La dieta migliore per mangiare bene e normocalorico, senza compromettere il nostro metabolismo è la dieta GIFT o dieta di segnale, che ormai promuovo da un paio d’anni. Non si basa su chilocalorie o grammature, ma segue la fame naturale, appunto per soddisfare la condizione di normocaloricità di ognuno.

Basterà mangiare bene a colazione, non saltandola, fare un pranzo normale ed una cena leggera, accompagnando il tutto da una costante attività fisica. Ovviamente oltre alla quantità conta molto la qualità degli alimenti: gli zuccheri devono essere eliminati, i carboidrati da consumare sono solo integrali al 100%, le proteine sono quelle del pesce, della carne, delle uova e del latte, variandole correttamente durante l’arco della giornata, inoltre, ogni pasto dovrà essere accompagnato dalle fibre di frutta e verdura.

Alimentazione corretta e movimento costante costituiscono un connubio perfetto per raggiungere il benessere psicofisico nel tempo per avere risultati duraturi. Cosa aspettate a cambiare stile di vita? Basta sacrifici a tavola, mangiate con gusto ma sappiate scegliere!

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-botton-ads-nut-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001