Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

10
Lun, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-nut-tda-002

Abbiamo 25 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-001

Infiammazione e inquinamento: come aiuta la dieta anti-infiammatoria

Infiammazione e inquinamento: come aiuta la dieta anti-infiammatoria

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Mi rivolgo a coloro che accusano sintomi di malessere e  fastidio generalizzato con un quadro clinico di infiammazione, a tutti coloro che vivono nelle grandi città, ai pazienti che si presentano presso il mio studio, che abitano nelle metropoli nel nord italia, in cui i fattori di inquinamento  incidono sulla salute e anche sulla qualità di vita e dei prodotti alimentari che vengono usati, e che io mi propongo di trattare

Infiammazione e inquinamento: come aiuta la dieta anti-infiammatoria
Infiammazione e inquinamento: come aiuta la dieta anti-infiammatoria


Quando siamo in presenza di infiammazione, il nostro sistema immunitario produce maggiormente alcune tipiche molecole che denotano uno stato di flogosi, ovvero le Immunoglobuline G.

Il cibo ingerito e l’inquinamento determinano la produzione di citochine infiammatorie che possiamo misurare mediante alcuni esami e definire  la maggiore o minore ristrettezza dietetica relazionata al livello di infiammazione presente. Lo smog, le polveri fini, le contaminazioni nei prodotti alimentari, l’inquinamento fotochimico, sono tutti fattori che portano ad un aumento del rischio di malattie infiammatorie, e non solo.

Nelle grandi città, i metalli pesanti sono un altro fattore molto nocivo per la nostra salute e per la generazione di infiammazione: è considerato da tempo un metallo tossico. In letteratura sono molti gli studi che confermano il suo ruolo negativo sul nostro organismo.

In  presenza di infiammazione, si innalza il livello di citochine infiammatorie, quali BAFF e PAF. In particolare, l’aumento di BAFF è alla base di uno stimolo sulle cellule B che può indurre la maggior parte delle malattie autoimmuni, come avviene per la tiroidite di Hashimoto, come ho menzionato nel mio libro, ma non solo. E’ alla base di altre numerose malattie autoimmuni e disturbi dell’apparato gastrointestinale, della cute, delle articolazioni, del sistema immunitario e di altri organi e apparati.

Per questo, consiglio di prestare molta attenzione allo stile di vita, all’alimentazione, ad adottare precise regole anti-infiammatorie per contrastare i problemi di inquinamento che sono tossici nelle grandi città.

Vi ricordo che è uscito il mio nuovo libro La dieta anti-infiammatoria, che dà le basi per cambiare il modo di vivere e lo stile alimentare, e soprattutto dà risposte alle domande che tutti i miei pazienti hanno fatto e che voi fate sempre per trattare i vostri problemi,  è una risposta a tutte le vostre insicurezze e ai dubbi che sorgono quotidianamente, si basa sulle tematiche cliniche più attuali. Lo potete trovare sul mio sito www.francescogarritano.it nella sezione shop, su internet ,e nelle librerie tra un po’ di tempo.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-botton-ads-nut-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001