Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

10
Lun, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-nut-tda-002

Abbiamo 48 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-001

Quando il problema dell’acne non è il cioccolato (o non solo)

Quando il problema dell’acne non è il cioccolato (o non solo)

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Quanti di voi ancora pensano che la comparsa dell’acne sia correlata al consumo sporadico di cioccolato? “Guarda, ieri sera ho mangiato un quadretto di cioccolato e già stamattina ho trovato la sorpresa!”. Leggendo l’articolo vi accorgerete che non è il solo lui il colpevole. Buona lettura!

Quando il problema dell’acne non è il cioccolato (o non solo)
Quando il problema dell’acne non è il cioccolato (o non solo)

 

Acne e stile di vita

L’acne è una malattia causata dall’infiammazione del follicolo pilifero e della ghiandola sebacea, caratterizzata da un’eccessiva produzione di sebo e dalla formazione di lesioni tipiche, quali punti neri, brufoli, papule e pustole. Ma cosa causa l’insorgenza di queste fastidiose manifestazioni?

Si pensava fino a tempo fa che l’acne fosse una malattia frequente solo negli adolescenti a causa dei mutamenti ormonali che in quell’età si presentano, invece, non è solo colpa dell’equilibrio fra androgeni ed estrogeni, ma anche di altri fattori correlati al nostro stile di vita: alimentazione, stress, sedentarietà, fumo. Se a 40 anni ancora abbiamo problemi di acne, allora dovrebbe accendersi un campanellino d’allarme: ci stiamo comportando bene con il nostro corpo oppure lo stiamo trascurando? Probabilmente avrà bisogno di una detossificazione e, soprattutto, di allontanare l’infiammazione che lo sta minacciando.

Fattori pro-infiammatori

Per capire quali sono i fattori che peggiorano l’acne dovremo fare un po’ di esami ematochimici, dai più semplici di routine (glicemia e insulinemia) a quelli ormonali.

Infatti, se il problema non è di tipo ormonale, è molto probabile che si ritrovi sulle nostre tavole. L’insulina e la resistenza insulinica peggiorano l’acne, per cui mantenere la calma insulinica sarà il nostro obiettivo, eliminando dalla nostra dieta zuccheri semplici e carboidrati raffinati ed accoppiando ad ogni pasto carboidrati integrali, proteine di qualità e fibre.

Altri fattori che potrebbero infiammarci sono le nostre abitudini: mangiamo sempre lieviti? Latticini? Alimenti contenenti nichel? Frumento? Bene, un consumo frequente e quotidiano di questi, se non variamo il nostro modo di mangiare, può infiammare il nostro organismo. Pertanto, il consiglio è quello di seguire una dieta di rotazione, consumando determinate categorie alimentari solo poche volte a settimana.

I latticini potrebbero essere primi responsabili dell’infiammazione da cibo, ma purtroppo, non solo per il loro costante consumo. Infatti, il latte ha un alto indice insulinico, per cui il suo consumo causa di conseguenza un aumento dell’infiammazione. Di conseguenza, mangiare un quadretto di cioccolato ogni giorno, soprattutto se a latte, aumenta la comparsa di brufoli non perché è cioccolato, ma perché contiene latte e zuccheri semplici. Sarebbe meglio, infatti, consumare 2 volte a settimana circa solo cioccolato fondente superiore all’85%, che contenga pasta di cacao, burro di cacao e pochissimo zucchero (se assente ancor meglio), evitando invece quella che sull’etichetta presenta edulcoranti, aromi artificiali e grassi vegetali. Il problema del cioccolato non è tanto il cacao (che però contiene nichel, attenzione!), ma gli altri ingredienti che contiene.

Altri alimenti che peggiorano l’infiammazione sono i grassi idrogenati, gli oli cotti ed una sproporzione di acidi grassi omega 3 ed omega 6; gli omega 3, infatti, riducono le citochine infiammatorie per cui anche l’infiammazione che peggiora la comparsa di pustole.

Inoltre, un ottimo toccasana sarebbe praticare attività fisica ogni giorno, almeno per 60 minuti al giorno; il movimento costante aiuterà il nostro organismo a liberarsi di tossine, inoltre, migliorerà lo stato di insulino-resistenza.

Mantenere la calma insulinica, muoversi, evitare alimenti pro-infiammatori ed aggiungerne altri antiinfiammatori, come frutta e verdura, nella dieta aiuteranno il soggetto a liberarsi dall’acne post-adolescenziale.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-botton-ads-nut-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001