Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mar, Mag
Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-001

Geloni e screpolatura delle mani: è solo colpa del freddo?

Geloni e screpolatura delle mani: è solo colpa del freddo?

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Geloni, mani secche, mani fissurate… Addirittura mani sanguinanti! Pensiamo sempre che il freddo faccia brutti scherzi. Sicuramente sarà così, ma non dobbiamo escludere altri fattori: e se ci fosse anche una carenza di vitamine e Sali minerali? Vi invito a leggere l’articolo per scoprire la verità. Buona lettura!

Geloni e screpolatura delle mani: è solo colpa del freddo?
Geloni e screpolatura delle mani: è solo colpa del freddo?

 

Geloni e fissurazioni delle mani

Quando arriva l’inverno, è fenomeno abbastanza comune imbattersi in geloni, screpolature, fissurazioni e pelle secca. Si sa, non è facile fronteggiare l’inverno , per diversi motivi. Proprio in merito a queste problematiche, ho ricevuto numerosi pazienti che mi hanno chiesto consigli ed informazioni in merito: per questo ho deciso di scrivere questo articolo. Alla base di questo problema, si nasconde in articolar modo una vitamina che conosciamo molto bene: la vitamina D.

Purtroppo, quando non possiamo giovare del buon sole estivo e delle stagioni più calde, la mancanza di esposizione al sole può indurre deficit di biosintesi di vitamina D: tuttavia, non è solo questo l’unico problema. Molte persone, usando molti farmaci che ne limitano l’assorbimento, oppure per via di carenze nutrizionali, mancano di disponibilità della vitamina D. Quindi, la mancanza di sole, le temperature più rigide , la mancanza di vitamina D favoriscono la comparsa di screpolature e fissurazioni sulla pelle che sono spesso frutto di una carenza minerale e vitaminica significativa. La vitamina D3 non sembra, da sola, avere una azione di “terapia” acuta del gelone, ma quando si hanno a disposizione buone scorte di vitamina D3, l’organismo non manifesta geloni, dermatiti, ragadi e fissurazioni delle dita, ma anzi, va a diminuirne l’insorgenza.

Geloni e screpolature: stiamo attenti alla vitamina D!

Quindi, quando vediamo spesso sulle dita questi segni, dobbiamo preoccuparci non solo del freddo , ma anche di eventuali carenze nutrizionali in corso, soprattutto di vitamine, come nel caso seguente.

I valori sierologici possono essere espressi sia in ng/mL secondo questo schema:

  • carenza: <10 ng/mL
  • insufficienza: 10 – 30 ng/mL
  • sufficienza: 30 – 100 ng/mL
  • tossicità: >100 ng/mL

oppure in nmo/L (con un fattore di conversione di circa 2,5):

  • carenza: <25 nmoli/L
  • insufficienza: 25 – 75 nmoli/L
  • sufficienza: 75 – 250 nmoli/L
  • tossicità: >250 nmoli/L

Esistono diverse forme di vitamina D, ma quelle che ci interessano maggiormente sono la vitamina D2 o ergocalciferolo, di provenienza vegetale e la vitamina D3 o colecalciferolo, sintetizzata negli organismi animali e che deriva dal colesterolo. La sua disponibilità dipende sia dall’assunzione tramite la dieta di  vitamina D, sia dall’esposizione solare. Per essere però utilizzata dall’organismo, quindi legarsi ai suoi recettori, deve trovarsi nella forma attiva quale il calcitriolo e per diventare tale deve subire diverse reazioni chimiche.

Geloni e pelle secca: non è solo il freddo!

Oltre all’assunzione della vitamina D tramite integratori di supplemento, rimane sempre indispensabile integrare l’alimentazione con alimenti ricchi della vitamina del sole. Vi sono quelli ricchi di vitamina D3 e quelli fonti di vitamina D2, che appartengono al regno vegetale. Alimenti contenenti vitamina D3: aringa fresca, salmone selvaggio, halibut, sgombro, ostriche selvatiche, sardina, salmone allevato, tonno in scatola, gamberi freschi, latte di mucca e tuorlo d’uovo. Alimenti contenenti vitamina D2: funghi coltivati e latte di soia.

In seguito all’assunzione di vitamina D alimentare e tramite supplementi, i valori dovrebbero ritornare nel range di normalità.

Altri consigli utili per fronteggiare il problema dei geloni sta nell’integrazione alimentare di minerali e sostanze importanti, come:

  • Omega 3 (Zerotox Ribilla, derivati dalla pianta di Perilla, 4-6 perle al giorno; Advanced Omega 3, derivati dal pesce, 2-3 perle al giorno);
  • Minerali (3 capsule al giorno di Oximix Multi+ o Oximix 5+);
  • Manganese;
  • Zinco;
  • Rame.

Fonti bibliografiche:

  • Kechichian E. et al. Vitamin D and the Skin: An Update for Dermatologists. Am J Clin Dermatol. 2018 Apr;19(2):223-235.
Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001