Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Mar, Mar
Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-001

Ciclo mestruale: l’intervento nutrizionale quando si presenta alterato

Ciclo mestruale: l’intervento nutrizionale quando si presenta alterato

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ogni donna ha preoccupazioni riguardo il proprio ciclo mestruale, soprattutto quando si presenta alterato, quando ci sono ritardi. Tutto ciò provoca una serie di risposte ansiogene, ma non solo, si hanno anche risposte ormonali modulate. Con questo articolo mi propongo di spiegarvi  come tenere sotto controllo il problema e come agire. Buona lettura!

Ciclo mestruale: l’intervento nutrizionale quando si presenta alterato
Ciclo mestruale: l’intervento nutrizionale quando si presenta alterato

 

Ciclo mestruale alterato: come si presenta

Come dico spesso alle pazienti che vengono in studio in preda all’ansia da alterazione del ciclo mestruale, esso può essere il risultato di numerose variabili, soprattutto di natura fisiologica.

Quando si ha il ciclo, la perdita mestruale media ammonta in genere a 30-40mL di volume – per intenderci, l’equivalente del contenuto di una tazzina di caffè – e si distribuisce in 4-5 giorni, con la maggior parte della perdita concentrata nei primi due giorni. Tuttavia, il problema inizia ad insorgere quando si hanno irregolarità relative al flusso, alla durata del sanguinamento, problemi relativi a perdite indipendenti dal periodo mestruale stesso. Ma perché tutto ciò accade? Sono numerose le cause: escludendo in un primo luogo le cause prettamente ginecologiche, neoplastiche, di natura clinica più profonda insomma, molte volte il ciclo si sregola in seguito a scombussolamenti ormonali, ad eventi traumatici, a stress, ad un alimentazione sbagliata.

Ciclo alterato: cause

Vediamo che gli errori alimentari e  il forte stress psico-emotivo sono la principale causa di perdita della ciclità mensile: il basso tenore di nutrienti, di minerali, vitamine e anche il forte disagio interno dello stress inducono il corpo ad evitare l’ovulazione e, con essa, il rischio di incorrere in una gravidanza, evento a elevato dispendio energetico, non sopportabile da un organismo debilitato. La carenza di condizioni essenziali per il benessere del corpo femminile obbliga l’organismo a pensare esclusivamente alla propria sopravvivenza e non certo a generare una nuova vita.

Un’altra causa dell’alterazione del ciclo mestruale è da ritrovarsi nell’anoressia: l’anoressia, caratterizzata dal rifiuto patologico verso il cibo per paura di poter mettere qualche chilogrammo in più, anche quando si è fortemente o gravemente sottopeso, si verifica per lo più nell’età adolescenziale, in un periodo difficile della vita di una persona, in cui ci si sente in contrasto col mondo intero, e anche con se stessi; ovviamente può verificarsi anche nell’età adulta in seguito a importanti separazioni, in seguito a pesanti umiliazioni psicologiche ricevute in seguito ad un trauma psicologico o anche in seguito ad un rapporto malato con il cibo e con il proprio corpo.

Ciclo alterato: rimedi naturali

Una volta escluse le cause ginecologiche, la gestione dello stress è altrettanto importante e, ancora una volta, la adeguata nutrizione, abbinata alla corretta attività fisica, possono ricoprire un ruolo di rilievo in questo ambito. Tecniche di gestione dello stress, il riposo mentale e anche fisico, fare costantemente un’attività sportiva moderata, sono in primis sempre fattori importanti per riattivare le funzioni corporee e per i suoi benefici effetti sulla sfera nervosa.

Per quel che concerne l’alimentazione, dovranno innanzitutto essere corrette le eventuali carenze, in particolare di proteine, vitamine e minerali. Bisogna fare una colazione abbondante, con carboidrati, proteine, una parte liquida e della frutta; la frutta e verdura devono essere sempre presenti nei pasti, e un’ottima modalità di assunzione di frutta e verdura è rappresentata dai centrifugati (un paio di bicchieri al giorno). Ovviamente sono da privilegiare i vegetali freschi, di stagione e possibilmente biologici.

Altrettanto importante è l’eliminazione dei cibi nocivi come quelli raffinati (zucchero, compreso quello di canna, farina bianca, riso brillato ecc.), i prodotti industriali e “cibi spazzatura” ed assicurarsi ad ogni pasto le giuste proporzioni tra carboidrati, proteine e fibre, per raggiungere facilmente la “calma insulinica” e regolarizzare gli assi.

Interessante è anche l’uso di calendula e artemisia, erbe dall’effetto emmenagogo, ovvero di stimolo delle mestruazioni.

Fonte bibliografica:

  • Gordon CM et al. Functional Hypothalamic Amenorrhea: An Endocrine Society Clinical Practice Guideline. J Clin Endocrinol Metab. 2017 May 1;102(5):1413-1439.
  • Laughlin GA The role of nutrition in the etiology of functional hypothalamic amenorrhea. 1999. Curr Opinion Endocrinol Diab 6:38-43.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001