Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Sab, Set
Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-001

Gastrite cronica autoimmune: perché non si deve sottovalutare il problema

Gastrite cronica autoimmune: perché non si deve sottovalutare il problema

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La gastrite cronica autoimmune è una patologia che va ad interessare l’apparato digerente che può causare una serie di complicazioni, tra cui anche fenomeni importanti di malassorbimento e anomalie della morfologia cellulare gastrica. Quali metodi adottare per questo problema? E’ tutto scritto nell’articolo, buona lettura!

Gastrite cronica autoimmune: perché non si deve sottovalutare il problema
Gastrite cronica autoimmune: perché non si deve sottovalutare il problema

 

Gastrite autoimmune: di cosa si tratta

La gastrite autoimmune è una patologia di natura infiammatoria su base autoimmune caratterizzata da un disordine infiammatorio cronico che va ad interessare la mucosa oxintica del tessuto e del fondo gastrico, e anche dalla presenza di anticorpi in circolo che sono diretti contro l’Adenosintrifosfatasi (ATPase) H+/K+ delle cellule della parete gastrica e verso ciò che viene prodotto da tali cellule, ovvero il Fattore Intrinseco. Questo particolare prodotto cellulare è l’elemento distintivo che rende veramente importante la presenza dello stomaco nell’organismo: infatti, si potrebbe anche fare a meno dello stomaco, se si ingerisse del cibo sottoposto ad un’accurata digestione chimica, se non fosse per il Fattore Intrinseco, che rappresenta l’elemento determinante e unico per l’assorbimento della vitamina B12. Quando si ha infiammazione in quest’area, la presenza di infiltrato cellulare causa degenerazione delle cellule adiacenti ed è composto da macrofagi, linfociti T e B che producono, stimolati dai T, autoanticorpi contro l’ATPasi e il Fattore Intrinseco.

Gastrite autoimmune: meccanismi d’azione

La gastrite autoimmune è correlata a acloridria, bassi livelli sierici di pepsinogeno I ed ipergastrinemia: addirittura l’ipergastrinemia può anche essere causa di iperplasia delle cellule enterocromaffino-simili, che favorisce l’insorgenza di carcinoidi gastrici. Nello stadio finale della gastrite insorge Anemia Perniciosa per carenza di vitamina B 12: per questo è importante badare al trattamento della patologia. E’ importantissimo tenere in considerazione anche l’abitudinarietà come concausa della gastrite autoimmune: l’infiammazione da cibo insorge quando costantemente l’uomo si nutre sempre degli stessi alimenti, appartenenti tutti alla identica categoria alimentare (es. glutine, latticini, lieviti, nichel, ecc.) fino a che questi non stimolano i Toll Like Receptors 2 (TLR2), recettori che si attivano in seguito alla segnalazione di un pericolo nell’organismo, in questo caso il superamento di una soglia limite dell’assunzione alimentare ripetuta. Da qui si scatena l’infiammazione da cibo, che mantiene alta i livelli della citochina BAFF. La citochina BAFF, insieme a PAF, sono due elementi essenziali coinvolti nella patogenesi delle malattie autoimmuni. Vi invito anche a dare un’occhiata al mio articolo che parla proprio di questo argomento.

Gastrite autoimmune: consigli pratici

Da specialista in malattie autoimmuni e nutrizione clinica, quello che consiglio per la gastrite autoimmune è prestare attenzione allo stile di vita, alle abitudini alimentari ed evitare i fattori che scaturiscono infiammazione:

  • Mangiare con regolarità porzioni adeguate di cibo, senza esagerare con le quantità, in modo da ridurre il carico sull’apparato digerente e favorendo la digestione;
  • Ridurre l’assunzione di grassi omega 6 incrementando, invece, il consumo di grassi omega 3;
  • Eliminare gli zuccheri semplici, gli edulcoranti ed i carboidrati raffinati dalla propria dieta;
  • Eliminare latte e derivati dalla propria dieta, avendo un alto indice insulinico, favoriscono l’infiammazione;
  • Evitare i cibi conservati e semi-lavorati;
  • Eliminare i cibi speziati e piccanti;
  • Limitare il consumo di frutta secca e semi;
  • Eliminare le fritture e prediligere metodi di cottura soft;
  • Non eliminare completamente l’uso di fibra vegetale: nelle fasi acute evitare la frutta ad alto contenuto di fibra solubile, i legumi, e verdura come ad esempio i cavoli e cavolini di Bruxelles. È fondamentale una reintroduzione molto graduale, valutandola con eventuali effetti collaterali iniziali come per esempio meteorismo, scariche più frequenti, dolori addominali;
  • Eliminare bevande gassate e sostanze nervine irritanti la mucosa gastrica (the, caffè).

Inoltre, è essenziale praticare costantemente attività fisica, regolarizzare il sonno, evitare lo stress, i digiuni, cercare sempre di rispettare il proprio orologio biologico, la crononutrizione.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001