Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Mer, Giu
Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-001

Asma e malattie primaverili: il sistema immunitario vuole una mano!

Asma e malattie primaverili: il sistema immunitario vuole una mano!

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Asma e ostruzione delle vie aeree, naso chiuso e respiro difficile: l’asma è un problema davvero fastidioso, che si verifica per lo più nei periodi di cambio stagione, soprattutto primaverili, che talvolta può essere anche molto pericolosa. Ma come si può intervenire? Vi ho spiegato meglio il tutto nell’articolo. Buona lettura!

Asma e malattie primaverili: il sistema immunitario vuole una mano!
Asma e malattie primaverili: il sistema immunitario vuole una mano!

 

Asma e difficoltà respiratoria

In quanti siamo a soffrire di allergie, di asma, nel periodo primaverile? In tanti, me incluso! Purtroppo gli allergeni che possono darci fastidio vengono trasportati dall’aria, dai germogli, dalla natura che sta per rinascere. Tuttavia, alcuni soffrono in maniera minore, altri risentono maggiormente dell’allergia primaverile: ed alcune volte può essere un vero e proprio problema!

Innanzitutto, che cos’è l’asma? L’asma è un processo infiammatorio a carico delle vie respiratorie, la quale induce una variabile ostruzione delle vie aeree (bronchi) e induce un aumento della reattività delle stesse vie respiratorie ad una serie di stimoli vari; vengono prodotti numerosi mastociti ed eosinofili e si ha difficoltà, anche grave, a respirare, con secrezione di muchi bianchi e poco densi, mal di testa, lacrimazione, mal di gola, astenia.

Asma: cause e fattori incidenti

Sono davvero numerosi i fattori in grado di scatenare l’asma. Tra i principali ricordiamo:

  • Sostanze presenti nella natura: la maggior parte è di origine atmosferica come i pollini; un’altra forma può essere dovuta a piumaggi, forfore animali, particelle di polvere, muffe. La diagnosi, di solito, è relativamente semplice attraverso la storia clinica del paziente e l’esecuzione di prove allergiche.
  • Farmaci e sostanze chimiche: le sostanze più comunemente coinvolte sono l’acido acetilsalicilico, alcuni coloranti come la tartrazina, i β-bloccanti ed i solfiti. La diagnosi, in questo caso, si può ottenere con i cosiddetti test di provocazione.
  • Ambiente e fattori fotochimici: sono l’ozono, il diossido d’azoto e il diossido di zolfo. Il fenomeno è più evidente nelle aree urbane fortemente industrializzate ed a elevata densità di popolazione. è più facile che si determinino in condizioni di inversione termica o quando ristagnano grosse masse d’aria.
  • Sostanze di uso comune: sono le polveri di legno e di vegetali (grano, farina, semi di caffè, mako, acacia, gomma ecc.), agenti farmacologici (antibiotici, cimetidina ecc.), enzimi biologici (detergenti ecc.), sieri e forfora di animali e insetti (cavie da laboratorio, galline, granchi, ostriche, api ecc.). Possono essere altrettanto pericolosi i sali metallici (platino, cromo, vanadio, nichel), gli agenti chimici industriali e le materie plastiche.
  • Stress emotivo: le endorfine possono giocare un ruolo notevole sul peggioramento o miglioramento di una crisi di asma.


Asma e comportamenti sbagliati sulla tavola

Voglio riportarvi un lavoro pubblicato lavoro pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology (Brandt EB et al, J Allergy Clin Immunol  ; 118(2):420-7), in cui si evidenzia un’importante correlazione tra disturbi allergici, asma e alimentazione: un’analisi dei livelli di IgG verso gli alimenti dimostra come dopo un carico alimentare di cibo contenente un allergene per un dato soggetto si è evidenziata una infiammazione e una reazione irritativa del sistema respiratorio. L’alimentazione non corretta è la causa preponderante di infiammazione, cancro, infezioni diffuse, allergie, invecchiamento, stress ossidativo, stanchezza e molto altro. Quando siamo in presenza di infiammazione, il nostro sistema immunitario produce maggiormente alcune tipiche molecole che denotano uno stato di flogosi, ovvero le Immunoglobuline G.

Asma e consigli pratici

E’ necessario fare una colazione abbondante, per mantenere attivo il nostro metabolismo e attivare positivamente i segnali all’interno del nostro corpo; valorizzare frutta e verdura di stagione, ricche di vitamine e sali minerali, coadiuvanti nelle funzioni metaboliche e con capacità antiossidanti e curative; ripartire bene la composizione dei pasti e mangiare a sufficienza, per attivare i giusti segnali tiroidei e favorire anche una migliore risposta immunitaria; preferire centrifugati ed estratti di frutta di stagione e verdure locali, come bevanda funzionale da assumere tra i pasti, puntando alla valorizzazione dei micronutrienti; bere acqua in abbondanza; praticare attività fisica e mantenere il corpo forte e attivo; indossare gli indumenti idonei per la stagione in corso ed evitare di rimanere né troppo scoperti né eccessivamente imbacuccati; evitare posti affollati in cui c’è molta umidità; cercare di evitare i prodotti lattiero-caseari in quanto aumentano la produzione di muchi;evitare cibi fritti che aumentano il grado di infiammazione all’interno del nostro organismo; variare le abitudini quotidiane sia alimentari, sia nell’attività fisica; rispettare i ritmi cronobiologici e valorizzare la quantitàe la qualità del sonno ristoratore, per far partire al meglio le giornate ed essere carichi e positivi; valorizzare l’assunzione di acidi grassi omega-3 anti-infiammatori nella dieta, rappresentata dal pesce (soprattutto pesce grasso), salmone, tonno, sgombro, sardine, aringhe, merluzzo; in generale il pesce azzurro è ricco di omega-3. Si consiglia di prediligere il consumo di pesce fresco, variando le specie e limitando il consumo di pesci grandi e predatori le cui carni possono contenere maggiori quantità di contaminanti derivanti dal fenomeno del bio-accumulo.

Risulta inoltre utile integrare con:

  • Olio di perilla, che supporta le fisiologiche difese organiche;
  • Olio di ribes nero, favorisce l’integrità e la funzionalità delle membrane cellulari;
  • Inositolo;
  • Zinco, antiossidante;
  • Manganese, antiossidante in sinergia con lo zinco;
  • Betaglucani, rinforzano le difese dell’organismo;
  • Rame;
  • Vitamina C;
  • Vitamina D, un importante regolatore dell’omeostasi calcio-fosforo, del controllo del metabolismo osseo ma soprattutto del sistema immunitario.



Fonti bibliografiche:

  • Brandt EB. et al., Experimental gastrointestinal allergy enhances pulmonary responses to specific and unrelated allergens. J Allergy Clin Immunol. 2006 Aug;118(2):420-7.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001