Orticaria da stress: che cos’è, come trattarla?
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Ven, Lug

Orticaria da stress: che cos’è, come trattarla?

Orticaria da stress: che cos’è, come trattarla?

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Una delle malattie dermatologiche più diffuse è l’orticaria. Talvolta può dipendere dallo stress. Come mai si manifesta e come poterla trattare? Leggete l’articolo che ho scritto per voi!

Orticaria da stress: che cos’è, come trattarla?
Orticaria da stress: che cos’è, come trattarla?

 

Orticaria da stress: che cos’è?

Molte pazienti in studio che sto ricevendo menifestano questa patologia: ma che cos’è? Vediamo un po’ nel dettaglio di cosa si tratta.

Lo stress è una condizione che può incidere molto sulla salute anche della cute. Innanzitutto diamo una definizione precisa all’orticaria e vediamo cos’è.

L’orticaria è caratterizzata dalla presenza di eruzioni cutanee con improvvisa comparsa sulla pelle di pomfi pruriginosi che si sviluppano su tutto il corpo o su una parte di esso e scompaiono generalmente entro poche ore.

Si manifesta nelle forme acute e croniche. Il sintomo principale dell’orticaria è il prurito, che può essere accompagnato da sensazione di bruciore. L’orticaria viene definita acuta se si sviluppa improvvisamente e dura meno di sei settimane. La maggior parte dei casi dura 24-48 ore. Alcune persone però soffrono di attacchi ricorrenti di orticaria acuta e può colpire chiunque a qualsiasi età. L’orticaria si definisce cronica se persiste a lungo termine. Nell’orticaria cronica, un’eruzione cutanea si sviluppa quasi tutti i giorni per almeno sei settimane e alcune persone hanno un rash cutaneo intermittente per mesi o, in casi più rari, per anni.

Nella patogenesi, si riconosce una massiccia liberazione di istamina attraverso i mastociti (cellule che svolgono un ruolo importante nel sistema immunitario), da cui consegue una reazione infiammatoria.

Si stima che il 20% della popolazione manifesterà almeno un episodio di orticaria nel corso della propria vita. È comune soprattutto nelle donne, la maggior parte delle persone sviluppa i primi sintomi tra i 20 e i 40 anni. I pazienti con orticaria rappresentano il 3% di tutti i pazienti dermatologici.

Molte persone riscontrano che alcuni eventi fanno riapparire o contribuiscono a peggiorare i sintomi esistenti:

  • Stress;
  • Alcool e caffeina;
  • Pressione prolungata sulla pelle (es. indumenti stretti);
  • Farmaci come FANS, codeina (antidolorifico) e ACE inibitori (utilizzati per il trattamento dell’ipertensione);
  • Alcuni additivi alimentari come salicilati, che si trovano nei pomodori, succo d’arancia e tè;
  • Punture di insetti;
  • Esposizione a calore, freddo, pressione o acqua.

Eliminando le cause organiche, le valutazioni da eccessi da istamina, l’orticaria da stress può presentarsi come sintomo passeggero, sporadico o magari confinato ad un solo episodio della vita. Ma può anche presentarsi in modo cronico o per un periodo piuttosto prolungato di tempo qualora l’orticaria rappresenti la modalità preferenziale mediante la quale una persona, per caratteristiche di personalità e/o per particolari fasi di vita, esprime lo stress. Parliamo di stress in senso piuttosto ampio alludendo a qualunque situazione che ponga la psiche della persona in una condizione di sovraccarico emotivo e di squilibrio fra le difficoltà e le risorse percepite per affrontarle.

A volte può trattarsi di situazioni esterne particolarmente gravose, altre volte di condizioni anche apparentemente “positive” o “felici” che possono tuttavia essere vissute, inconsapevolmente, in modo ambivalente e contraddittorio, ecco che allora, ciò che la mente non esprime a parole, lo esprime con il corpo contraddicendo, a volte anche notevolmente, le apparenti evidenze!

Trattamento utile per l’orticaria da stress

L’orticaria è una bella scocciatura, che richiede rapidi interventi. In primis consiglio di prendere in esame eventuali intolleranze alimentari, limitando temporaneamente l’introduzione dei cibi positivi al test. Questo è il modo più efficace che abbiamo per gestire l’orticaria, in quanto consente di abbassare il livello di infiammazione generale dell’organismo migliorando la sua predisposizione a reazioni “esagerate” con l’allergene. Le intolleranze alimentari sono tra le cause principali di questo disturbo.

Impariamo ad alimentarci in maniera corretta, prima di fare abuso di antistaminici e cortisonici. Scegliere di intraprendere un percorso nutrizionale sano ed equilibrato non è certo semplice come assumere una pillola, ma è il modo migliore e corretto per vivere bene. Forse la strada sarà un po’ più lunga, ognuno ha bisogno del suo tempo per cambiare stile di vita, ma il nostro sistema immunitario ne trarrà sicuramente beneficio.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001