ANEMIA E STANCHEZZA: COME BISOGNA AGIRE
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Gio, Ott

ANEMIA E STANCHEZZA: COME BISOGNA AGIRE

ANEMIA E STANCHEZZA: COME BISOGNA AGIRE

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Stanchezza, occhiaie, spossatezza, perdita di capelli o capelli sciupati e spenti, sono questi i segni che delineano molto spesso una persona con carenza di ferro.

ANEMIA E STANCHEZZA: COME BISOGNA AGIRE
ANEMIA E STANCHEZZA: COME BISOGNA AGIRE

 

Un quadro clinico di questo genere appartiene il più delle volte a donne o ragazze, che seguono un regime alimentare povero o che non apportano il giusto quantitativo di proteine animali nella loro dieta, eliminando troppo spesso prodotti carnei.

L’anemia corrisponde alla riduzione del numero di globuli rossi, le cellule del sangue che contengono l’emoglobina, la proteina che trasporta l’ossigeno ai vari tessuti e organi del nostro corpo. C’è da dire che esistono più tipi di anemie classificate in base a caratteristiche morfologiche diverse dei globuli rossi o in base alle cause scatenanti le stesse. Una delle anemie più comuni nell’uomo è la sideropenia, ossia proprio la mancanza di ferro. La sideropenia è l’anemia causata da squilibri nutrizionali basati su una mancanza di ferro nell’alimentazione o da malassorbimento del ferro stesso a livello intestinale. Questo metallo ha un’importanza notevole per l’uomo in quanto una sua riduzione causa conseguente diminuzione di emoglobina nel sangue, causa di segni quali la stanchezza, affaticamento, occhiaie e borse, spossatezza.

Ognuno di noi assorbe quotidianamente un massimo di 3-4 mg di ferro al giorno pertanto è importante assumere alimenti ricchi di questo metallo quali la carne e i suoi derivati, aiutandosi con piccoli trucchi che ne aumentino l’assorbimento e ne facilitano il trasporto. Tra questi sicuramente spiccano gli alimenti ricchi di vitamina C, rame, acido folico e vitamina B6.

Spesso accade, per scelte etiche o semplicemente di gusto, che viene meno il giusto consumo di carne nella dieta e allora si deve porre una maggior attenzione ad alimenti quali legumi, uova, verdure a foglia verde, pesce e frutta secca che contengono un modesto contenuto di ferro. Un’alimentazione equilibrata, che tenga conto dell’importanza di vitamine e minerali quali il ferro, soprattutto nelle donne, protagoniste di una vita frenetica, è la strada giusta per raggiungere un benessere ed un equilibrio salutare che dia loro la giusta carica per svegliarsi la mattina, affrontare la giornata con energia e sentirsi soprattutto più belle e pimpanti.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001