Lattoferrina e Covid-19? Nuove evidenze mostrano qualcosa di interessante!
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Mar, Nov

Lattoferrina e Covid-19? Nuove evidenze mostrano qualcosa di interessante!

Lattoferrina e Covid-19? Nuove evidenze mostrano qualcosa di interessante!

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La lattoferrina è una glicoproteina capace di sottrarre il ferro non legato dai fluidi corporei e dalle aree di flogosi, con capacità due volte superiori rispetto a quella della transferrina, così da evitare il danno prodotto dai radicali tossici dell’ossigeno e diminuire la disponibilità di ioni ferrici per i microorganismi che invadono l’ospite.

Lattoferrina e Covid-19? Nuove evidenze mostrano qualcosa di interessante!
Lattoferrina e Covid-19? Nuove evidenze mostrano qualcosa di interessante!

 

È dotata di attività antivirale e antibatterica, è considerata uno tra i più importanti fattori dell’immunità naturale non anticorpale. È presente nelle mucose e nei granuli dei neutrofili insieme ad altri fattori quali il lisozima e la lattoperossidasi. I recettori specifici della lattoferrina sono presenti sulle cellule epiteliali a livello delle mucose, sui linfociti, monociti, macrofagi e piastrine.
Le evidenze sull’utilità antivirus della lattoferrina

L’efficacia antivirus della lattoferrina viene così sintetizzata dal PTV:

  • inibisce sia direttamente che indirettamente i diversi virus che causano malattie nell’uomo,
  • direttamente inibisce l’infezione virale legandosi ai siti dei recettori virali e/o agli eparansolfati delle cellule dell’ospite impedendo in tal modo che il virus infetti le cellule,
  • aumenta la risposta immunitaria sistemica all’invasione virale,
  • in uno studio in vitro del 2011 di ricercatori cinesi, ha mostrato un ruolo protettivo da Sars-Cov, grazie al legame all’eparansolfato che impedisce l’entrata del virus.

Ulteriori studi hanno riscontrato che la lattoferrina

  • inibisce l’infezione da Herpes Simplex di tipo 1 e 2,
  • ha potenti effetti antivirali contro la replicazione sia dell’HIV umano che del Citomegalovirus (CMV) senza mostrare alcuna citotossicità. Nelle persone affette da HIV è peraltro accertata una carenza sistemica di lattoferrina.

Note bibliografiche:

  • Campione E., Cosio T., Rosa L., Lanna C., Di Girolamo S., Gaziano R., Valenti P., Bianchi L. (2020). Lactoferrin as Protective Natural Barrier of Respiratory and Intestinal Mucosa against Coronavirus Infection and Inflammation. Int. J. Mol. Sci. 2020, 21, 4903
  • https://www.mdpi.com/1422-0067/21/14/4903
Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001