Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

18
Mar, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-nut-tda-002

Abbiamo 93 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-001

RICETTE: Magra come un gambo di sedano! Vellutata di sedano

RICETTE: Magra come un gambo di sedano! Vellutata di sedano

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Molto più che segreto delle modelle, questa specie erbacea che appartiene alla famiglia delle Apiacee è originaria della zona mediterranea ed è conosciuta da tempi antichissimi come pianta medicinale.

 

Magra come un gambo di sedano!
Magra come un gambo di sedano!

Volete sapere qualche curiosità sul sedano? Il sedano nel Medioevo veniva utilizzato per scacciare la melanconia mentre era considerato metodo infallibile per conoscere il sesso dei nascituri, secondo antiche tradizioni popolari ponendolo sulla testa della gestante senza che questa se ne accorgesse ed aspettando che quest’ultima pronunciasse un nome, se maschile avrebbe partorito un maschio altrimenti una femmina. Il sedano oggi è considerato uno dei simboli degli orti casalinghi, non manca in nessuna cucina che si rispetti e viene utilizzato per la preparazione di piatti gustosi e che richiamano soprattutto la stagione invernale; primo fra tutti il sedano è conosciuto per la preparazione del brodo.

È costituito per oltre 80% di acqua e la restante parte ripartita tra carboidrati, proteine e pochissimi grassi (proprio per questa caratteristica è stato da sempre simbolo della magrezza delle modelle). Il sedano è fonte di importanti minerali quali manganese, ferro e potassio, mentre per quanto riguarda le vitamine abbiamo la presenza di vitamina A, C ed E. L’olio essenziale ricavato da questo vegetale è ricco di monoterpeni quali limonene e saliene; inoltre sono presenti cumarine, flavonoidi ed alcaloidi.

Importante è la presenza di una sostanza chiamata 3-n-butilftalide la quale sembra rivestire un ruolo importante nella prevenzione del colesterolo elevato e dell’ipertensione. Pare che il sedano rivesta a livello nervoso un ruolo antidepressivo ed ansiolitico ovviamente gli effetti sono molto blandi anche se ci sono studi ancora in corso e niente è stato confermato. Il sedano è un ottimo remineralizzante in quanto contiene una quantità elevata di Sali minerali ma non solo; infatti il sedano presenta proprietà diuretiche e digestive che possono essere di complemento ad un’alimentazione sana ed equilibrata. Un piatto caldo in vista dell’inverno?

Vellutata di sedano

Ingredienti:

  • 3 cespi di sedano,
  • 1 scalogno,
  • 700 ml di brodo,
  • 200 gr di patate lesse,
  • olio extravergine d’oliva,
  • sale,
  • pepe,
  • formaggio pecorino.

Preparazione:

 Lavare il sedano, togliendo i filamenti; Tagliare lo scalogno e il sedano a fettine sottili; Rosolare in una padella lo scalogno e, appena sarà dorato aggiungete il sedano; Tagliare a cubetti le patate lesse, aggiungerle al sedano e versare il brodo; Lasciare cuocere per circa 10 minuti e passate quindi tutto con il frullatore per un tempo più o meno lungo a seconda della consistenza desiderata della vellutata; Servire coprendo con il parmigiano grattugiato.













 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-botton-ads-nut-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001