Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

18
Mar, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-nut-tda-002

Abbiamo 109 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-001

RICETTE: Un piacere piccante a tavola. Calamarata speciale!

RICETTE: Un piacere piccante a tavola. Calamarata speciale!

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il peperoncino è il frutto dell’omonima pianta appartenente alla famiglia delle Solanacee: “Capsicum fructences”; il frutto assume il suo caratteristico colore rosso quando matura, questo per la presenza di carotenoidi ed in particolare della capsantina.

Un piacere piccante a tavola
Un piacere piccante a tavola

 

Il peperoncino maturo è ricco di vitamine e soprattutto di Vitamina C o acido ascorbico, di carotenoidi che son precursori della vitamina A, contiene niacina ed importanti Sali minerali quali Potassio, Fosforo e Calcio. Una importante sostanza che ritroviamo nel peperoncino è la famosa capsaicina, una molecola che dona al peperoncino il suo sapore piccante e nota per le sue proprietà rubefacenti (è una sostanza vasodilatatoria); la capsaicina inoltre aumenta la secrezione di succhi gastrici e di saliva favorendo così la digestione e presenta proprietà antiossidanti ed antibatteriche.

Sapete perché la capsaicina viene utilizzata nelle preparazioni di pomate per il trattamento di dolori muscolari? Una volta applicata sulla cute questa sostanza induce bruciore e quindi induce il rilascio di neurotrasmettitori del dolore dalle terminazioni locali, dopo alcune applicazioni invece la sensazione di dolore svanisce poiché i nervi perdono sensibilità nei confronti della sostanza stessa e quindi si ha una ridotta percezione del dolore. Chi di voi non ha mai bevuto acqua per eliminare la sensazione di bruciore al palato che il peperoncino provoca? La cosa migliore da fare sarebbe bere un po di latte o yogurt oppure mangiare un pezzettino di pane con olio extravergine d’oliva in quanto la capsaicina è una sostanza liposolubile e non idrosolubile.

La ricetta piccante:

Calamarata speciale!

Ingredienti per 4 persone

  • Pasta integrale (300 g),
  • Calamari 600 g, Aglio (1 spicchio),
  • 1 Peperoncino rosso fresco,
  • Prezzemolo tritato, Sale q.b.,
  • Pepe nero macinato q.b.,
  • Pomodori ciliegino 200 gr,
  • Vino bianco 50 ml,
  • Olio extravergine d'oliva

Preparazione

Pulire i calamari e tagliarli ad anelli; Aprire il peperoncino estraendo così i semini e tritarlo finemente; Sbucciare e tritare l’aglio; lavare i pomodorini e versare in una padella con un po’ d’olio extravergine d’oliva; Lasciare rosolare ed unire peperoncino e calamari sfumando con il vino bianco; Quando il vino sarà evaporato unire i pomodorini ed il sale/pepe; Cuocere per circa 10-15 minuti a fuoco moderato e dopo unire il prezzemolo mescolando; Aggiungere la pasta al dente con un po’ di acqua di cottura e mescolare; Quando tutto sarà cotto togliere dal fuoco e servire. Piatto completo!

 

Nutrizionista Francesco Garritano - Per info telefonare al 347-2481194 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

il Nutrizionista risponde

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-botton-ads-nut-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001