Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

19
Mer, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-nut-tda-002

Abbiamo 99 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-001

Obiettivo: pancia piatta. I trucchi per sfoggiare una perfetta forma

Obiettivo: pancia piatta. I trucchi per sfoggiare una perfetta forma

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ci siamo già lasciati l’inverno e le basse temperature alle spalle, ora il caldo inizia a farsi sentire di pari passo con la voglia di svestirsi un po’di più

Obiettivo: pancia piatta. I trucchi per sfoggiare una perfetta forma
Obiettivo: pancia piatta. I trucchi per sfoggiare una perfetta forma

 

Ma quanti si sentono davvero pronti a mettere in mostra il proprio fisico?

Il problema di tutti resta quasi sempre la pancia: che siano uomini o donne tutti aspirano ad avere una pancia scolpita o almeno senza rotoli. Tra questi c’è chi ci lavora su da settembre ma non ha saputo resistere alle tentazioni culinarie e chi si è reso conto troppo tardi che l’estate si sta avvicinando.

Come fare dunque? Quali trucchi adottare per avere un ventre piatto nel minor tempo possibile?

Sicuramente la corsa quotidiana o comunque una camminata a passo veloce per almeno un’ora al giorno è il primo step per attivare il metabolismo e consumare il grasso in eccesso, compreso quello addominale. L’attività aerobica è alla base della perdita di peso pertanto è quello che in primis bisogna iniziare.

A questo va accompagnato sicuramente un lavoro anaerobico localizzato che miri a definire i muscoli addominali e farli lavorare il più possibile in modo da attivare una crescita ipertrofica degli stessi.

Errore comune e ricorrente è però quello di abbinare a questo lavoro fisico un’alimentazione scarsa e ipocalorica: niente di più sbagliato. Chi lavora in palestra, o comunque pratica un’attività fisica regolare e costante necessita di un’alimentazione appropriata dal punto di vista della caloricità. I muscoli per crescere hanno bisogno di un input a livello centrale che si attiva grazie ad una buona alimentazione. La carestia spegne ogni tipo di segnale perché il suo unico obiettivo sarà risparmiare energia e non utilizzarla per creare nuovo muscolo.

A questo si aggiunge il cibo dei muscoli: le proteine; questi nutrienti non solo devono essere presenti, ma devono esserlo nella giusta misura, cosi da nutrire i muscoli che lavorano e permettere loro una certa crescita dimensionale. Nella sana alimentazione rientra l’eliminazione di tutti gli alimenti ricchi di zucchero e di dolcificanti e delle farine bianche che ostacolano il dimagrimento e la definizione muscolare e che provocano solo aumento di peso in termini di massa grassa. Particolare attenzione anche ai cibi infiammatori che si rendono spesso responsabili di una resistenza al dimagrimento: è importante, infatti, conoscere gli alimenti ai quali siamo più intolleranti perché spesso provocano gonfiore che rende vano il lavoro fisico e alimentare che si effettua.

Prepararsi all’estate si può, anche in poco tempo: serve impegno e costanza ma soprattutto serve conoscere il proprio corpo. La pancia piatta, quindi, non è più un miraggio ma un obiettivo facilmente raggiungibile. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-botton-ads-nut-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001