Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

19
Mer, Set
home-1-ads-nut-tda-006

Abbiamo 140 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-002

La mia tiroide si è raddoppiata: il gozzo!

La mia tiroide si è raddoppiata: il gozzo!

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Quando la tiroide aumenta di volume si manifesta una condizione definita gozzo. Ne esistono diversi tipi, causati da fenomeni diversi, nell’articolo cercherò di fare un quadro di insieme. Buona lettura!

La mia tiroide si è raddoppiata: il gozzo!
La mia tiroide si è raddoppiata: il gozzo!


Sintomi e segni del gozzo tiroideo

La definizione di gozzo è quella di un rigonfiamento della ghiandola dovuto a diverse cause: ipofunzionalità o iperfunzionalità della ghiandola, presenza di noduli, carenze di iodio oppure alterazioni ormonali, che tratterò nel prossimo paragrafo.

Ma come accorgersi se si soffre di gozzo? I due sintomi più diffusi sono la dispnea, quindi la difficoltà a respirare, e la disfagia, ovvero la sensazione di compressione quando si deglutisce; a questi sintomi si associano spesso, e di conseguenza, il mal di testa e la disfonia, quindi, l’incapacità di emettere suoni ben comprensibili.

Per avere la conferma che si tratta di gozzo, l’endocrinologo è in grado di diagnosticare la patologia tramite diverse metodiche. La più semplice è la palpazione della zona del collo, che permette di toccare la rigidità o la presenza di noduli sulla tiroide; ma, per rendere la diagnosi meno soggettiva, ci si può sottoporre ad un’ecografia tiroidea o scintigrafia per valutare la conformazione e la vascolarizzazione della ghiandola.

Diversi tipi di gozzo tiroideo

Come detto sopra, le cause del gozzo possono essere di diversa entità. Innanzitutto, si può presentare sia in caso di normo funzionalità della ghiandola, che di ipo- o iper-funzionalità.

Uno degli episodi causa di gozzo, considerabile normale, è la gravidanza. Durante questo particolare momento della donna, infatti, si ha un’alterazione ormonale e la produzione della gonadotropina corionica umana o HCG, che può promuovere un leggero ingrandimento della ghiandola, ovviamente si tratta di una condizione transitoria da non considerare causa di patologia.

In realtà, la tiroide aumenta di volume quando viene continuamente stimolata dal TSH ipofisario per la produzione di ormoni tiroidei, poiché questi non vengono prodotti. Un tempo una delle cause più frequenti di questo tipo di gozzo era la deficienza di iodio nella dieta, causando il cosiddetto gozzo endemico, poiché si estendeva ad intere popolazioni. Oggigiorno poche persone soffrono ancora di questo problema, poiché sono in atto iniziative per la profilassi del gozzo endemico, come la somministrazione di sale iodato nella dieta.

La tiroide, però, può essere incapace di produrre adeguate quantità di ormoni per cause diverse dal deficit di iodio; infatti, l’aumento di volume si può verificare come compensazione in caso di ipotiroidismo, sia di tipo conclamato, sia di tipo autoimmune, come nella tiroidite di Hashimoto.

Infine, il gozzo può presentarsi, inoltre, in caso di ipertiroidismo da morbo di Basedow, ma anche come aumento di volume della ghiandola accompagnato alla presenza di noduli, generati dalla stimolazione tiroidea e dall’accelerata proliferazione di cellule che formano degli aggregati definiti noduli. Per questo motivo il gozzo si può definire uni-nodulare (un nodulo) o multi-nodulare (2 o più noduli).

Consigli utili

Per evitare che si sviluppi questo fenomeno ognuno di noi dovrebbe controllare almeno ogni anno le condizioni della tiroide, sottoponendosi all’ecografia e facendo alcune analisi del sangue. Inoltre, bisognerebbe evitare sostanze gozzigene come la soia o le crucifere, che chelano lo iodio, rubandolo dal pool utile per la sintesi degli ormoni tiroidei.

Oltre a ciò l’alimentazione di segnale, che consiglio ormai di tempo, è uno dei metodi più efficaci per stimolare naturalmente la tiroide, limitando l’uso dei farmaci quando è possibile. Cosa aspettate a conoscerla se anche voi soffrite di tiroide?

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-bototton-ads-nut-art-001
Annunci CT Partner
article-botton
Annunci Zanox
Banner luglio prezzo minimo garantito Image Banner 750 x 350
article-botton
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001
Annunci AdSense
home-2-ads-nut-tda-006
Annunci AdSense
home-2-ads-nut-tda-011