Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

21
Mer, Nov
home-1-ads-nut-tda-006

Abbiamo 76 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-002

Morbo di Crohn peggiorato dall’ureasi batterica intestinale?

Morbo di Crohn peggiorato dall’ureasi batterica intestinale?

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Studi recenti dimostrano che il Morbo di Crohn, patologia cronica infiammatoria che coinvolge in Italia almeno 150.000 persone, possa essere causato o peggiorato dalla disbiosi intestinale generata da un’eccessiva produzione di ureasi batterica.

Morbo di Crohn peggiorato dall’ureasi batterica intestinale?
Morbo di Crohn peggiorato dall’ureasi batterica intestinale?

 

Che cos’è il Morbo di Crohn?

Ne sentiamo parlare spesso, però non sappiamo definirne ancora tutte le cause; il Morbo di Crohn è una malattia infiammatoria cronica intestinale, appartiene quindi alla classe delle MICI e si caratterizza per il modo in cui si manifesta; infatti, l’infiammazione si distribuisce in modo segmentario nella zona dell’intestino, in particolare interessa l’ultima parte dell’intestino tenue chiamato ileo e/o il colon, oppure solo il colon. Quando si soffre di Morbo di Crohn si possono verificare anche perdite di sangue occulto nelle feci, poiché si presentano anche ulcere derivate dall’infiammazione, che se trascurate possono provocare restringimenti intestinali definiti stenosi o approfondirsi creando raccolte di pus. La patologia è definita cronica, perché da questa non si può guarire completamente, ma presenta fasi di riacutizzazione e di remissione, per questo motivo è definita anche recidivante; è vero, non si può risolvere totalmente ma perché non alleviarne i sintomi tramite l’alimentazione e debellando l’infiammazione?

Studi recenti

Ma cosa provoca o peggiora l’infiammazione? Nuovi studi dimostrano come il microbiota possa essere modificato qualitativamente dall’azione dell’enzima batterico ureasi, presente in caso di disbiosi intestinale, peggiorando i sintomi dell’infiammazione e di tutte le malattie di tipo infiammatorio.

Poiché le cause di questo tipo di patologie non sono completamente certe, nello studio i ricercatori hanno cercato di individuarle mettendo in relazione la metabolizzazione batterica dell’azoto e l’infiammazione; è stato visto che il metabolismo è in grado di provocare sia la sintesi di amminoacidi che di peggiorare l’infiammazione, poiché alcuni batteri del colon sono in grado di produrre ammoniaca tramite l’enzima ureasi, che consente la proliferazione delle specie batteriche in condizioni anaerobie.

Lo studio ha analizzato campioni fecali di pazienti con morbo di Crohn, utilizzando azoto (N) 15, verificando l’attività dell’ureasi. Sono stati creati tre gruppi: il primo con topi aventi un microbiota sano, il secondo con microbiota danneggiato da antibiotici, infine, il terzo con microbiota ridotto e con batteri a basso livello di ureasi, dimostrando che nel terzo gruppo gli amminoacidi prodotti dall’ureasi fossero inferiori rispetto a quelli del primo gruppo, ma simili a quelli del gruppo due.

A confermare che un’alterata produzione di ureasi possa essere alla base delle patologie infiammatorie, è stato l’inoculo nell’intestino dei topi del batterio E.coli ingegnerizzato, in grado di produrre alte e basse quantità di ureasi; nei gruppi nei quali la produzione dell’enzima è stata maggiorata, si è verificato un aumento dei batteri del genere Firmicutes, che hanno peggiorato lo stato infiammatorio e la disbiosi, in particolar modo anche del Clostridium, riducendosi anche la produzione di acidi grassi a catena corta, fonte nutritiva del microbiota, peggiorando la disbiosi. Mentre, nei gruppi nei quali la produzione di ureasi è stata ridotta, il microbiota ha mantenuto la sua omeostasi. Visti i risultati, si può dedurre che la regolazione della quantità di ureasi e di ammoniaca prodotta dai batteri intestinali, potrebbe essere un utile bersaglio per la terapia o prevenzione del Morbo di Crohn. Dieta e stile di vita

Oltre al mantenimento dell’omeostasi intestinale, non bisogna trascurare la nutrizione ed il corretto stile di vita che possono portare giovamento in caso di patologia, infatti, vi sono alcuni cibi che creano fastidio all’intestino. Sappiamo che alcuni alimenti, anche se apparentemente sani, possono infiammare l’organismo e, quindi, l’intestino se assunti costantemente, prendendo il nome di infiammazione da cibo, rilevabile tramite il test Recaller, in grado di dosare le citochine infiammatorie BAFF e PAF.

Oltre a verificare l’individualità dell’infiammazione, alimenti come i latticini, i cibi grassi e piccanti, l’alcool, il caffè, i cibi aciduli e le fritture irritano l’intestino, inoltre, è consigliabile suggerire al paziente di scrivere un diario alimentare per appuntare i cibi che provocano fastidio. Sebbene sia uso comune eliminare tutti i tipi di fibra, si tratta di una pratica sbagliata, in quanto fibre come i beta-glucani, come lo studio riportato in basso dimostra, possono migliorare la funzione della barriera intestinale, insieme alla somministrazione di prebiotici principale fonte di energia per il microbiota intestinale.

Riferimenti bibliografici:

  • N-i J et al. A role for bacterial urease in gut dysbiosis and Crohn’s disease. Sci Transl Med. 2017 Nov 15;9(416). pii: eaah6888. doi: 10.1126/scitranslmed.aah6888.
  • Rasmussen HE and Hamaker BR. Prebiotics and Inflammatory Bowel Disease. Gastroenterol Clin North Am. 2017 Dec;46(4):783-795.
  • Ganda Mall JP. Et al. A β-Glucan-Based Dietary Fiber Reduces Mast Cell-Induced Hyperpermeability in Ileum From Patients With Crohn’s Disease and Control Subjects. Inflamm Bowel Dis. 2017 Dec 19;24(1):166-178.
Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-bototton-ads-nut-art-001

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-010
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-011
Nutrizione - Salute e Benessere
Notizie su nutrizione e alimentazione
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-010
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-011
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001