Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

14
Mer, Nov
home-1-ads-nut-tda-006

Abbiamo 26 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-002

Lo stress ed il cortisone che non fanno dimagrire

Lo stress ed il cortisone che non fanno dimagrire

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Quanti di voi assumono cortisone e non riescono a dimagrire? Quanti, invece, sono troppo stressati ed hanno lo stesso problema? Cortisolo e cortisone sono due sostanze, la prima prodotta dal nostro corpo, la seconda sintetizzata in laboratorio, che rallentano il processo del dimagrimento a causa della loro funzione. Leggiamo l’articolo per saperne di più.

Lo stress ed il cortisone che non fanno dimagrire
Lo stress ed il cortisone che non fanno dimagrire

 

Cortisolo, l’ormone dello stress

Quando siamo stressati l’asse metabolico che si attiva è quello delle ghiandole surrenali, due piccole ghiandole poste al di sopra dei reni, in grado di secernere cortisolo. Lo stimolo “stress” segnala all’ipotalamo il rilascio di corticotropina (CRH) che agisce sull’ipofisi, inducendo il rilascio dell’ormone adrenocorticotropo (ACTH), che a sua volta stimola il rilascio di cortisolo agendo sulle ghiandole surrenali.

Ma perché l’organismo rilascia cortisolo? Quali sono le sue funzioni? L’ormone viene rilasciato in supporto a situazioni di emergenza che subisce l’organismo. Infatti, la causa della difficoltà di dimagrimento è proprio una delle sue funzioni: l’aumento della glicemia. Non solo si verifica un innalzamento di glucosio nel sangue, ma anche la stimolazione della secrezione di glucagone, la gluconeogenesi epatica ed una riduzione della sensibilità dei recettori insulinici. Se la glicemia aumenta, di conseguenza si libererà insulina, ma se la capacità di questa di legarsi ai suoi recettori si riduce, si instaura una condizione di insulino-resistenza, perciò sarà molto difficile smuovere il nostro peso.

O forse potremo verificare uno spostamento dell’ago della bilancia verso sinistra a causa della perdita di massa magra; infatti, un’altra delle azioni svolte dal cortisolo è proprio il catabolismo proteico, ovvero consente la conversione delle proteine del muscolo in glucosio, sempre per far fronte alla situazione di emergenza che potrebbe presentarsi, riducendo sia la massa muscolare che il metabolismo. Ma, oltre al muscolo, anche il sistema scheletrico ne risentirà, poiché il cortisolo riduce la sintesi dell’osso e del collagene, favorendo l’indebolimento e l’osteoporosi.

Perché, poi, chi è stressato è sempre più predisposto ad ammalarsi? Semplice la risposta: il cortisolo riduce le difese immunitarie, per cui chi subisce un forte o continuo stress, causato dal lavoro, dalla famiglia o da un trauma è l’individuo che sicuramente contrarrà più facilmente una patologia.

Cortisolo e cortisone

Se il cortisolo è l’ormone prodotto dal nostro organismo in seguito a situazioni di stress, il cortisone è il farmaco che il nostro medico di famiglia ci prescrive quando soffriamo di una malattia infiammatoria o allergica, in quanto utilizzato come immunosoppressivo. Le azioni fra i due composti sono identiche semplicemente perché il cortisone (farmaco) agisce solo dopo essere stato trasformato nell’organismo in cortisolo, per cui il gonfiore, la ritenzione idrica, la perdita di massa muscolare e l’aumento di peso non sono dovuti al farmaco ma all’eccesso di cortisolo prodotto.

Come rimediare con l’alimentazione

Poiché si verificano diversi picchi insulinici, indotti dall’aumento di glicemia, si dovrebbe seguire uno stile di vita che abbia come obiettivo la calma insulinica, proprio come Dieta GIFT consiglia. Infatti, assumendo ad ogni pasto una fonte proteica di buona qualità, accanto ai carboidrati integrali ed alle fibre di frutta e verdura, sarà possibile evitare sbalzi glicemici, supportando anche la perdita di massa muscolare, grazie all’apporto di amminoacidi essenziali. Inoltre, il cortisolo viene anche rilasciato in condizioni di digiuno prolungato, per cui accontentiamoci solo del digiuno notturno ed appena svegli facciamo una colazione abbondante, per inibire l’ulteriore rilascio dell’ormone.

Metodi ottimali per allontanare lo stress sono l’attività fisica costante ed il sonno; il movimento, però, non deve essere eccessivo, in quanto intensi allenamenti lo aumentano ancor di più, bastano 60 minuti al giorno di attività moderata per scaricare le tensioni e liberare endorfine che ci renderanno più felici. Mentre una corretta igiene del sonno supporta l’orologio biologico e consente di mantenere in equilibrio i ritmi degli ormoni. Per facilitare l’addormentamento è consigliabile bere una tisana o una camomilla calda prima di andare a letto, fare un bagno caldo, spegnere la TV e gli smartphone quando siamo a letto e non pensare alle cose negative.

Seguendo questi piccoli consigli riuscirete a liberarvi da una buona parte dello stress e ridurrete i vostri livelli di cortisolo.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-bototton-ads-nut-art-001

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-010
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-011
Nutrizione - Salute e Benessere
Notizie su nutrizione e alimentazione
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-010
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-011
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001