Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

17
Sab, Nov
home-1-ads-nut-tda-006

Abbiamo 63 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-002

Tirodite acuta e subacuta: quali differenze?

Tirodite acuta e subacuta: quali differenze?

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Oltre alla tiroidite di Hashimoto, il tipo più diffuso di tiroidite cronica, è possibile che la ghiandola tiroidea venga danneggiata da tiroiditi acute e subacute, generate da virus o batteri. Ma come si manifestano? Leggete l’articolo per saperne di più.

Tirodite acuta e subacuta: quali differenze?
Tirodite acuta e subacuta: quali differenze?

 

Tiroidite acuta

Quando si parla di tiroiditi acute è necessario fare una distinzione fra quelle generate da batteri (acute) e quelle generate da virus (subacute o di De Quervain). Rispetto alla tiroidite di Hashimoto, che è la più diffusa patologia in grado di distruggere la ghiandola tiroidea, queste non sono generate da una risposta autoimmune dell’organismo, ma da sostanze patogene esterne.

Se parliamo di tiroidite acuta, ci riferiamo a quella generata da batteri, funghi o parassiti, i più comuni dei quali sono lo Streptococco piogene ed aureus, ma anche dallo Streptococco pneumoniae e da Escherichia Coli. Solitamente solo uno dei due lobi tiroidei è coinvolto e l’esordio si riconosce dai sintomi che provoca: febbre, sudorazione, brividi, dolori al collo che si acuiscono quando si deglutisce o si ruota la testa, difficoltà a respirare e tosse.

Per diagnosticarla è utile sottoporsi al dosaggio dei leucociti, che aumentano, e della VES tipico indice infiammatorio; spesso i valori della tiroide non sono alterati, anche perché si agisce in modo repentino a curare l’infezione tramite antibiotici, altrimenti il trascurarla potrebbe generare un’infiammazione sistemica o la distruzione della tiroide.

Tiroidite subacuta

L’altro tipo di tiroidite, invece, è quella causata da agenti virali definita anche Tiroidite di De Quervain, quali ad esempio il virus dell’influenza, l’Adenovirus, l’Epstein-Barr, il Coxsackie A e B. Spesso si manifesta in contemporanea a patologie virali, oppure in seguito ad un’infezione delle vie respiratorie, riportando i sintomi tipici di un’infezione, quindi febbre, dolori muscolari, spossatezza, ma anche dolore a livello del collo che si estende anche fino alla mandibola o all’orecchio.

Per diagnosticarla è importante dosare i valori anche in questo caso degli indici infiammatori (VES e PCR), i leucociti (con linfociti alti) ed i valori tiroidei poiché nei diversi stadi della malattia possono variare. Infatti, in un primo momento se la ghiandola viene danneggiata dall’attacco virale, è possibile che vengano liberati ormoni tiroidei generando tireotossicosi, poi si manifesta una fase di ipotiroidismo subclinico transitorio, infine, il virus viene distrutto dai farmaci per cui i valori rientrano nel range normale.

La terapia è costituita da farmaci corticosteroidi e da farmaci antinfiammatori non steroidei, che debellano l’infiammazione e riportano la ghiandola in condizioni normali.

Raccomandazioni dietetiche

Come in ogni patologia, le raccomandazioni dietetiche sono importanti nonostante si tratti di patologie causate da agenti esterni. Infatti, è proprio da questo particolare che dobbiamo partire: difendere il proprio organismo da attacchi patogeni. Come? Rafforzando il sistema immunitario con vitamine e Sali minerali, antiossidanti, mangiando frutta e verdura ad ogni pasto e scegliendo un’attività fisica da svolgere costantemente. Sarebbe una buona prassi iniziare la colazione con una bella spremuta d’arancia o un centrifugato di kiwi e arance, cereali integrali, proteine nobili e della frutta secca, che oltre a contenere acidi grassi omega 3 sono una buona fonte di minerali e vitamina E, potente antiossidante, eliminando gli zuccheri raffinati.

Inoltre, è meglio evitare luoghi chiusi e poco areati, preferendo spazi all’aperto, non coprirsi eccessivamente quando le giornate sono miti per evitare gli sbalzi di temperatura, smettere di fumare, imparare a gestire lo stress e riposare ogni notte almeno 7 ore per recuperare le energie.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-bototton-ads-nut-art-001

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-010
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-011
Nutrizione - Salute e Benessere
Notizie su nutrizione e alimentazione
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-010
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-011
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001