Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

21
Mer, Nov
home-1-ads-nut-tda-006

Abbiamo 52 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-002

E’ vero che il freddo stimola il metabolismo e che muoversi adesso è importante?

E’ vero che il freddo stimola il metabolismo e che muoversi adesso è importante?

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ti sei mai chiesto, mentre stavi comodamente seduto in macchina, perché c’è tanta gente che anche con temperature non proprio estive si allena correndo per la città o pratica sport anche d’inverno?

E’ vero che il freddo stimola il metabolismo e che muoversi adesso è importante?
E’ vero che il freddo stimola il metabolismo e che muoversi adesso è importante?

E sai se ci sono vantaggi che si possono trarre da un allenamento effettuato oltre la stagione estiva? Lo so, ormai arrivato il freddo, la voglia che più si avverte è quella di starsene rintanati in casa davanti ala TV magari sotto un plaid! Vi svelo un segreto: il periodo autunnale e quello invernale sembrano essere i migliori per praticare attività fisica e stimolare la potenza corporea; il freddo infatti stimola il metabolismo e quindi lascia spazio allo sport in tutte le sue varianti.

Iniziamo dal fatto che spesso le persone si riducono a muoversi in primavera inoltrata, sperando in qualche miracoloso dimagrimento in tempi record; invece, iniziare ad allenarsi nella stagione fredda, protraendosi fino a quella calda, permette di guadagnare un dimagrimento graduale ed efficace. Un altro vantaggio riguarda la vitamina D… perché? La vitamina D viene prodotta dalla pelle in risposta ai raggi solari e risulta essenziale per il corretto metabolismo del Calcio, salute delle ossa e memoria. Questa vitamina ovviamente e soprattutto con il nostro clima, risulta più accessibile nel periodo estivo quando la pelle è maggiormente esposta al Sole e spesso d’inverno si pensa ad una sua integrazione; lo sport può aiutare in tal senso in quanto stimola gli osteoblasti a lavorare in maniera più efficace.

Il nostro organismo inoltre, spende una buona parte dell’energia ottenuta dagli alimenti per mantenere costante la temperatura corporea intorno ai 37°C, ne consegue che temperature più fredde, possono indurre un incremento del metabolismo basale e favorire l’utilizzo di energia stoccata come depositi di grasso. Quando fuori non c’è più il tepore dei raggi solari che invogliano a praticare lunghe passeggiate, si tende a stare di più in casa, questa sedentarietà è dannosa ad esempio per la salute cardiovascolare, per chi soffre di alcuni tipi di patologia (diabete ad esempio) e per chi presenta livelli di infiammazione sui quali l’attività fisica presenta invece un’azione modulatoria.

Quindi questo inverno, invece di preferire il divano di casa, attiviamoci e con le giuste condizioni iniziamo a praticare sport; rechiamoci in palestra, copriamoci nel modo corretto ed usciamo a camminare evitando di arrivare alla prossima stagione calda con la speranza di riuscire all’ultimo momento, in improbabili risultati per tornare in forma!

Nutrizionista Francesco Garritano - Per info telefonare al 347-2481194 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

il Nutrizionista risponde

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-bototton-ads-nut-art-001

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-010
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-011
Nutrizione - Salute e Benessere
Notizie su nutrizione e alimentazione
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-010
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-011
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001