La finestra sullo Spirito

La finestra sullo Spirito - Approfondimenti di Cultura

La finestra sullo Spirito - il Centro Tirreno
  1. L'INTERVISTA. La Libia di ieri, la Libia di oggi e i rapporti con l'Italia. Ne parliamo con lo scrittore e politologo Charles Vas

    Nessun popolo è diventato potente grazie solo a se stesso. Le alleanze che la Storia menziona, spiegano il carattere dinamico acquisito dalle parti in causa interrelazionate tra loro da accordi dai contenuti spesso secretati.

  2. Lo specchio della notte

    Un tempo forse, saremo stati come appaiamo oggi nei film, con le cerniere nell'anima che si aprono e si chiudono dividendo i personaggi tra bianco e nero, tra giusto e sbagliato, tra buono e cattivo.

  3. La seduzione della maschera

    Vorrei morire, nel tuo corpo rinascere. Abbiamo bisogno dell'intimità con l'altro per confermare la nostra identità. Il sesso allora diviene conoscenza della nostra integrità perduta. Anche l'amore è ricordo, perché riconduce al cuore. Ci rende simili e fedeli a noi stessi.

  4. L'affermazione di Dio nel nuovo Millennio

    La cosa più bella che io abbia mai perlustrato, la tua interiorità.

  5. La scrittura e il potere della lettura

    In ciò che si contrae c'è un senso di compiutezza. Si contrae un accordo, il matrimonio, una malattia... Un unico verbo per svariate situazioni. Alla base c'è l'esigenza di dare corpo a un qualcosa di finito e quindi irreversibile, in un mondo governato dall'instabilità.

  6. L'INTERVISTA. L'essenza e l'essenziale. La poetica del buio nelle composizioni del musicista Paolo Fattorini

    Tutto è magia e la Magia è in tutte le cose. Il termine “tutto” già trasporta verso un ambito d'inclusione che è proprio della regione del cuore.

  7. La ciclicita' del perdono

    Il ritorno è semplicemente chiedere e ricevere perdono. 

  8. Dopo l'estate, Settembre

    L'amore è incontro tra gli opposti, mescolanza e ripristino di un nuovo ordine.

  9. Wayne Hussey e l'avventura dei Mission nel rock reazionario

    "I still  believe in God, but God no longer  believes in me." (W. Hussey)

  10. I miti e la cenere

    Un tempo gli uomini erano forgiati ad essere eroi capaci di uccidere per il bene della tradizione di passato, presente e futuro.

  11. Il cibo come eternizzazione

    Nella società attuale tesa alla mercificazione di tutto, chi può ritenere che ad esempio la gallina, solo perché ha le zampe, sia più sensibile della cicoria?

  12. La madre interiore

    Solo l'amore ci rasserena. Chi cerca la pace, in realtà è in lotta con se stesso, esule in questo mondo, alla ricerca dell'amore dentro di lui.

  13. Il protagonismo e il non conosciuto

    La società di oggi è protagonistica e accentratrice.

  14. ''Preservare'' e ''Conservare'': i verbi d'Autunno

    Si sta levando il fresco maestrale e mi giunge l'odore del mare che rinforza.

  15. Bisbigli della mia intimita'

    Era questo il tempo del rientro.

  16. Salviamo la Poesia e innalzeremo noi stessi

    L'impronta di grandezza di una poesia si riscontra nei versi di conclusione.

  17. L'arte di donare

    Impariamo a considerare gli altri in base a quello che ci hanno donato e non dato. 

  18. Dov'e' finita la Bellezza?

    Credo che l'umanità debba recuperare il senso dell'umiltà. Avrebbe bisogno di compiere un passo indietro per ritornare a pensare che non si può essere tutti per tutto.

  19. Tra le braccia, la primavera dei giorni

    Piango la mia bella che ho respinto.

  20. Il mare nella cultura mediterranea

    Ho sempre ritenuto che il mare fosse una creatura vivente, un animale con tante propaggini dotato di logica e sentimenti.

  21. Il grembo della rinascita e la rivelazione della roccia

    Tu sei la mia pace.

  22. Il sogno del dio dormiente

    Al principio era il sogno. Il dio dormiente nella vulva della notte.

  23. Il ritorno della grande onda

    Io non cerco la vendetta ma un luogo in cui far riposare il cuore. 

  24. L'Amore non e' un dettaglio

    Non c'è mai noia nel ricordare quando si pensa a qualcuno. Gli eventi si ripetono con l'aggiunta sempre di qualcosa di nuovo che abbellisce chi ricorda e narra a se stesso.

  25. Il sogno chiamato Euro e la societa' dei ricatti

    Nel momento in cui una società non è più capace di educare, si esprime con l'arma del ricatto. Se si vuole piegare un popolo ai propri dettami governativi, bisogna consentire il non consentibile per un lungo tempo, e poi privarlo di cio’ che si teme. Oggi, del bene più prezioso che è la libertà.