Il frutto con il cappotto

Il frutto con il cappotto

noceÈ arrivato l’ inverno con il suo caratteristico freddo ed alcuni dei doni che l’inverno ci fa: infatti da un punto di vista nutrizionale, sono vari i tipi di frutta e di verdura importantissimi per il corretto mantenimento salutare. Tra tutti un ruolo molto importante è svolto dalle noci; la noce infatti, frutto tipicamente invernale, potrebbe per alcuni versi essere chiamata goliardicamente parlando, "frutta col cappotto"; infatti la parte commestibile, il gheriglio, è protetta da un guscio molto resistente che quando viene schiacciato, con il suo tipico scricchiolio, tiene banco sulle tavole addobbate a festa.

Osservando bene come è composta la sua forma vediamo che il guscio della noce richiama molto la scatola cranica ed il suo contenuto rassomiglia con sorpresa ai due emisferi cerebrali. Probabilmente, seguendo il filo della delle analogie, che vedono associate al buon mantenimento degli organi, il consumo di alcuni tipi di frutta e verdura nonché di legumi, sarebbe logico ritenere che per affinità di forma si tratti di un frutto adatto a “nutrire” il cervello.

In riferimento a ciò troviamo che il fagiolo, ad esempio, ha la forma di un rene aiuta il mantenimento delle funzioni renali…oppure per quanto riguarda il cuore troviamo una somiglianza con l’uva sospesa a grappolo o il pomodoro che come l’organo, presenta quattro camere ed è di colore rosso, infatti vari studi dimostrano l’efficacia di entrambi nel buon mantenimento dell’attività cardiaca. In realtà la noce, grazie al suo contenuto di nutrienti importanti, è proprio l’ideale da consumare quando si è stanchi, sotto stress e quando il cervello è un pò “giù di tono”.

Osserviamo più da vicino la composizione per capire bene il loro importantissimo ruolo. Le noci sono costituite da circa il 20 per cento da proteine e contengono degli acidi grassi essenziali importantissimi quali l’acido linoleico (omega-6) e alfa-linoleico (omega-3) particolarmente utili per le funzioni cerebrali, inoltre la vitamina E e la vitamina B6 fanno si che siano un’ulteriore ed ottima fonte di nutrimento per il sistema nervoso . Si è visto anche che le noci possono dare un aiuto nel correggere i livelli di serotonina del cervello umano ovvero quella importantissima sostanza chimica del cervello che controlla sia il nostro umore e che il nostro appetito.

Da questo deduciamo che oltre ad essere utili nell’attenuare gli attacchi di fame, potrebbero essere in grado di alleviare disturbi come insonnia e depressione. Ultimo, ma per niente trascurabile, è quello che ci dice uno studio del 2013 nel quale (entrando nello specifico) si è visto che: le noci se mangiate regolarmente possono avere un effetto preventivo sulla patologia coronarica (CAD) poiché abbassano la colesterolemia.

Studi epidemiologici hanno costatato che la CAD è associata ad una disfunzione endoteliale ed è contrastata da antiossidanti e acidi grassi omega-3 del pesce e le noci sono ricche in antiossidanti e in acidi grassi omega-3 e omega-6. Per verificare se le noci possono rendere reversibili le disfunzioni endoteliali si sono considerati 21 soggetti con ipercolesterolemia che, con disegno cross over, hanno effettuato per un mese una dieta mediterranea a basso contenuto di colesterolo e una dieta simile dove le noci sostituivano il 32% di energia proveniente da acidi monoinsaturi.

Nei 18 soggetti che completarono lo studio, la dieta con noci migliorava significativamente (p<0,05) sia la vasodilatazione endotelio-correlata che la riduzione delle molecole per l'adesività delle cellule vascolari. Inoltre vi era una riduzione significativa (p<0,05) del colesterolo totale (-4,4±7,4%) e colesterolo-LDL (-6,4±10,0%) che correlava con l'incremento in acido a-linolenico e con il contenuto in ?-tocoferolo nelle LDL.

Pertanto questa "variante con noci" della dieta mediterranea può favorire la vasodilatazione nei soggetti ipercolesterolemici e questo forse è il meccanismo della cardioprotezione attribuita alle noci. Quindi il consiglio è come sempre di affidarsi alla stagionalità e quindi cibarsi dei frutti che questa splendida ma fredda stagione ci offre.

Biologo Nutrizionista Francesco Garritano - Per info telefonare al 347-2481194 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

il Nutrizionista risponde

 


il Centro Tirreno - Quotidiano online
TG Meteo
Meteo
il Centro Tirreno - Quotidiano online
Oroscopo
Oroscopo
Annunci AdSense
Sidebar-2-ads-ct-tda-003
Annunci AdSense
Sidebar-2-ads-ct-tda-003
Annunci AdSense
Sidebar-2-ads-ct-tda-003
Annunci AdSense
Sidebar-2-ads-ct-tda-003
Annunci AdSense
Sidebar-2-ads-ct-tda-003
Ti potrebbero interessare anche:
home-40-ads-ctp-cca-001