COSENZA, sequestrata piazza Bilotti: 13 avvisi garanzia, c'è sindaco
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Mar, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

COSENZA, sequestrata piazza Bilotti: 13 avvisi garanzia, c'è sindaco

COSENZA, sequestrata piazza Bilotti: 13 avvisi garanzia, c'è sindaco

Cosenza
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Avvisi di garanzia emessi dalla Dda di Catanzaro

COSENZA, sequestrata piazza Bilotti: 13 avvisi garanzia, c'è sindaco
COSENZA, sequestrata piazza Bilotti: 13 avvisi garanzia, c'è sindaco

 

COSENZA, 24 APR - C'è anche il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto tra i destinatari dei 13 avvisi di garanzia emessi oggi dalla Dda di Catanzaro nell'ambito dell'inchiesta denominata "Piazza sicura" che ha portato al sequestro preventivo di piazza Bilotti. Il provvedimento è stato adottato nell'ambito delle indagini sulla gestione dell'appalto per la "riqualificazione e rifunzionalizzazione ricreativo-culturale di piazza Carlo Bilotti e realizzazione di un parcheggio interrato" del valore di 15 milioni 755 mila euro di cui 11 milioni 993 mila 778 di finanziamento pubblico e 3 milioni 761 mila 221 a carico del privato. Le ipotesi di reato per amministratori, imprenditori, professionisti e dirigenti, sono, a vario titolo, quelle di falsità materiale e ideologica in atti pubblici, rivelazione e utilizzazione di segreti d'ufficio, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, mancanza certificato di collaudo, e con la previsione, per uno degli indagati, dell'aggravante di avere commesso il fatto per agevolare le attività della cosca "Muto" di Cetraro.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook