Mondo - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mar, Mag

Dopo la Danimarca anche la Norvegia elimina il vaccino AstraZeneca dal suo piano vaccinale contro il Covid. Lo ha annunciato l'Istituto norvegese di Sanità Pubblica affermando che "dato che poche persone muoiono di Covid-19 in Norvegia, il rischio di morire dopo il vaccino AstraZeneca sarebbe superiore al rischio di morire per la malattia, in particolare tra i giovani".  

 

Un milione di nuovi casi di coronavirus in sei giorni. E' quello che accade in India, come sottolinea il Times of India, che dà notizia di un nuovo preoccupante record di contagi giornalieri. Quelli confermati in 24 ore sono infatti ben 217.353 e il ministero della Salute ha anche dato notizia di altri 1.185 decessi a causa della pandemia, il bilancio peggiore dallo scorso 19 settembre, sottolinea il giornale. 

 

E' plausibile che l'Europa possa uscire dall'incubo del Covid-19 e tornare alla normalità nell'autunno. Lo sostiene il presidente e Ceo di Pfizer Albert Bourla, in un'intervista pubblicata oggi dal Corriere della Sera, all'indomani dell'annuncio di una fornitura aggiuntiva di 50 milioni di dosi all'Unione Europea. "Noi stiamo programmando di aumentare drasticamente le forniture di vaccini all'Europa nelle prossime settimane. In questo trimestre - riferisce - consegneremo oltre quattro volte in più che nel primo trimestre: 250 milioni di dosi dopo averne date 62 milioni fino a marzo. E siamo in discussione per fare di più. Certo, c'è sempre la possibilità che qualcosa vada storto, come si vede dai problemi che hanno altre aziende". "Ma io sono ottimista perché finora abbiamo prodotto tantissimo ed è andata bene quasi al 100%". 

 

Paura a Indianapolis, dove almeno otto persone sono rimaste uccise in una sparatoria e altre sei sono rimaste ferite. Lo conferma la polizia secondo quanto riporta la Cbs. La sparatoria è avvenuta nelle ultime ore nel magazzino FedEx nella zona sudoccidentale della città, vicino all'aeroporto.  

 

Il Brasile ha segnalato altri 3.560 decessi e 73.174 nuovi casi di coronavirus confermati nell'arco di 24 ore. Secondo gli ultimi dati ufficiali, il Paese registra 13.746.681 contagi e 365.444 morti dall'inizio della pandemia. Il Brasile, con 211 milioni di abitanti, è il terzo Paese al mondo per numero di contagi dopo gli Stati Uniti e l'India ed è il secondo a livello globale, dopo gli Usa, per il triste bilancio delle vittime. 

 

La Corte Suprema del Brasile ha confermato la decisione di annullare le condanne inflitte all'ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva, che potrebbe candidarsi alle elezioni del prossimo anno. Otto giudici hanno votato a favore della conferma della decisione espressa il mese scorso, secondo le notizie delle ultime ore di Tv Justicia. Tre hanno votato contro. Per i legali del 75enne Lula, la decisione restituisce "credibilità al nostro sistema giudiziario". 

 

"Vogliamo relazioni stabili" con la Russia, ma abbiamo dovuto rispondere perché "non possiamo permettere interferenze" nelle nostre elezioni. Lo ha detto il presidente americano Joe Biden, intervenuto a Washington sui rapporti con Mosca nel giorno in cui sono state approvate sanzioni verso la Russia ed è stata decisa l'espulsione di 10 diplomatici russi. "Se la Russia continuerà a interferire con la nostra democrazia, sono pronto ad intraprendere altre azioni per rispondere", ha detto il presidente americano. 

 

Nelle ultime 24 ore, negli Stati Uniti si sono registrati 75.267 nuovi contagi e 932 morti per il Covid-19. I dati della Johns Hopkins University sono più alti della media degli ultimi sette giorni (71.115 contagi e 764 decessi). 

 

Con i 300 decessi registrati nelle ultime 24 ore, la Francia supera la soglia dei 100mila morti dall'inizio della pandemia. Secondo i dati della Sanità Pubblica, al momento ci sono oltre 30mila persone ricoverate negli ospedali francesi per il Covid, 5924 in terapia intensiva, si legge sul sito di Le Figaro.  

 

E' apparso vicino alle lacrime il principe Carlo, mentre osservava i tanti omaggi floreali e tributi lasciati dai cittadini per suo padre, il principe Filippo, che si è spento la scorsa settimana all'età di 99 anni. Carlo, 72 anni, accompagnato dalla moglie Camilla, ha visitato i giardini privati di Marlborough House a St. James’s Palace, dove ogni giorno vengono portati i fiori e i messaggi deposti a Buckingham Palace e in altre residenze reali. Si è trattato della prima apparizione pubblica dell'erede al trono, dopo la scomparsa del duca di Edimburgo. 

 

Nuovo record di vaccinazioni anti Covid in Germania, 739mila in un giorno. Il ministro della Salute Jens Spahn ha salutato con un tweet il "nuovo record giornaliero", mentre il governo è ancora alle prese con le polemiche dovute all'avvio a rilento della campagna vaccinale. Attualmente, circa il 17,8 per cento della popolazione ha ricevuto la prima dose del vaccino, secondo quanto indicano i dati del Robert Koch Institute. Tra gli over 60, le vaccinazioni hanno raggiunto tra il 33 e il 50 per cento dei cittadini, con ampie differenze però tra i vari laender. La cancelliera tedesca Angela Merkel, 66 anni, riceverà domani la prima dose del vaccino AstraZeneca, mentre il ministro del'Interno Horst Seehofer, 71 anni, ha riferito ai giornalisti di avere ricevuto la prima dose mercoledì.