Elazioni Europee 2019: exit poll Olanda, laburisti primi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Gio, Ott
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Elazioni Europee 2019: exit poll Olanda, laburisti primi

Elazioni Europee 2019: exit poll Olanda, laburisti primi

Mondo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Partito del premier Rutte a pari merito con i populisti. Al voto anche i britannici

Elazioni Europee 2019: exit poll Olanda, laburisti primi
Elazioni Europee 2019: exit poll Olanda, laburisti primi

 

I laburisti del PvdA sono accreditati con 5 seggi al Parlamento europeo, seguiti dai liberal-conservatori (VVD) del premier Mark Rutte con 4 seggi a pari merito del partito populista di destra Forum voor Democratie (FvD) dell'esordiente Thierry Baudet. Così gli exit poll delle elezioni europee resi noti dalla tv olandese Nos. Ai Verdi andrebbero tre seggi, mentre un seggio al partito di Wilders.

Aumenta l'affluenza alle elezioni Europee in Olanda, rispetto a quelle del 2014. Secondo la proiezione dell'Ipsos, oggi ha votato il 41,2% degli olandesi contro il 37,3% di cinque anni fa.

Londra al voto dilaniata dalla Brexit, May verso l'addio - Un primo ministro sotto sfratto alla vigilia del voto. Si consumano le ultime ore di Theresa May a Downing Street mentre una Gran Bretagna dilaniata dallo stallo parlamentare sulla Brexit apre la tornata delle elezioni Europee del 2019: appuntamento al quale, in tempi di sfide fra sovranisti e non, il Regno non avrebbe neppure dovuto partecipare a rigor di logica, a ben tre anni dal referendum che sulla carta nel giugno 2016 ne aveva suggellato l'addio all'Ue. La corsa per la scelta dei 73 eurodeputati isolani a Strasburgo - tutti sub iudice e destinati a uscire di scena nel momento in cui il divorzio fosse finalmente formalizzato - non appassiona in effetti quasi nessuno oltremanica, dove del resto l'affluenza per questo tipo di consultazione è sempre stata marginale: sotto il 40%. Non solo perché i risultati si sapranno domenica 26, quando voterà il grosso degli altri Paesi. Ma soprattutto per i venti di crisi politica scatenatisi a Londra, e accompagnati per colmo di disgrazia anche dal crac di British Steel, industria dell'acciaio con 5000 lavoratori a rischio.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook