Brasile: 37 ostaggi sul bus a Rio, ucciso il sequestratore
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Mar, Set
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Brasile: 37 ostaggi sul bus a Rio, ucciso il sequestratore

Brasile: 37 ostaggi sul bus a Rio, ucciso il sequestratore

Mondo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Minacciava di dar fuoco al veicolo, aveva pistola giocattolo

Brasile: 37 ostaggi sul bus a Rio, ucciso il sequestratore
Brasile: 37 ostaggi sul bus a Rio, ucciso il sequestratore

 

Ore di terrore oggi a Rio de Janeiro, sul ponte che collega la città con Niteroi, dove un uomo armato ha sequestrato un autobus, bloccandolo, prendendo in ostaggio 37 passeggeri, e minacciando di dare fuoco al veicolo. Dopo quasi tre ore e mezza di tensione, tutto si è concluso con l'intervento dei cecchini della polizia militare, che hanno abbattuto l'uomo e liberato tutti gli ostaggi, che sono usciti illesi, anche se impauriti. Tutto è iniziato poco dopo le cinque del mattino (le 10 in Italia), quando un uomo di nome Willian Augusto da Silva - 20 anni, guardia della sicurezza, anche se si è presentato come agente di polizia - è salito su un autobus nel terminale di Alcantara, a Sao Goncalo, sulla riva settentrionale della baia, in partenza verso il quartiere di Estacio, nel nord di Rio. Secondo la testimonianza dei passeggeri del bus raccolte dai media locali, Da Silva è rimasto calmo finché il veicolo ha imboccato il ponte, che è lungo oltre 13 chilometri. E' qui che ha tirato fuori una pistola - che poi è risultata essere un'arma di giocattolo - e ha minacciato l'autista, ordinandogli di fermarsi e parcheggiare di traverso sulla corsia del ponte. Il sequestratore ha dunque appeso in vari punti del tetto del bus bottiglie di plastico piene di benzina, minacciando di appiccare il fuoco con un "taser" e chiedendo di essere messo in contatto con le autorità via radio. Il traffico sul ponte è stato sospeso - causando decine di chilometri di ingorghi - e le teste di cuoio della polizia militare hanno preso posizione intorno all'autobus. Non è chiaro se Da Silva abbia fatto richieste specifiche nei suoi colloqui col negoziatore della polizia. Nelle tre ore seguenti, il sequestratore ha lasciato andare vari ostaggi, uno dei quali è svenuto dopo essere sceso dal bus, il che ha portato a credere che fosse rimasto ferito. Poco dopo le 9 (le 14 in Italia), Da Silva è sceso dal bus per lanciare una valigia verso la polizia, e quando stava risalendo si è infine arrivati all'epilogo: è stato abbattuto, con almeno un colpo di fucile sparato da un cecchino, che si era appostato sopra un mezzo dei pompieri bloccato sul ponte.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook