Allarme per il virus cinese, primo caso negli Usa
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Mer, Apr
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Allarme per il virus cinese, primo caso negli Usa

Allarme per il virus cinese, primo caso negli Usa

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sei i morti in Cina. Scattano i controlli negli aeroporti. Il Ministero della Salute: evitate i viaggi non necessari a Wuhan. Un caso sospetto in Australia

Allarme per il virus cinese, primo caso negli Usa
Allarme per il virus cinese, primo caso negli Usa

 

Si aggrava in Cina il bilancio dei morti a causa del virus, simile alla Sars, comparso dal dicembre scorso. Le autorità sanitarie hanno annunciato che le vittime sono salite a sei.   

E dall'Australia arriva la notizia di un primo caso sospetto su un uomo appena rientrato proprio dalla Cina. Ieri sono stati gli stessi esperti della commissione della salute cinese a confermare che il virus è trasmissibile da uomo a uomo. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha convocato per domani un Comitato di emergenza.

Le autorità sanitarie degli Stati Uniti si apprestano ad annunciare il primo caso in America del nuovo coronavirus, riferisce la Cnn. Sarebbe stato registrato nello Stato di Washington, stando ad una fonte federale citata dalla Cnn. Il Cdc (US Centers for Disease Control and Prevention) annuncerà il caso nelle prossime ore, stando alla Cnn, che cita una fonte esterna al Cdc. Anche il New York Times scrive di una persona nello Stato di Washington contagiata dal virus, il primo caso confermato negli Usa. Il paziente, che era stato ricoverato per polmonite la scorsa settimana, era stato di recente a Wuhan, la città cinese considerata l'epicentro della diffusione del virus.

Aumentano anche i casi delle persone contagiate: ce ne sono 77 nuovi, portando a 291 il totale.

Il direttore scientifico Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippolito fa sapere che "secondo le ultime informazioni, 14 operatori sanitari sarebbero stati colpiti dal nuovo coronavirus". E' un fatto che preoccupa molto, poichè c'è il rischio che si possano determinare delle epidemie negli ospedali, come già si verificò nel 2002-2003 per la Sars in alcuni ospedali di Canada e Corea"

Intanto la Farnesina invita alla cautela i viaggiatori italiani con un messaggio sul sito 'Viaggiare Sicuri'gestito dall'Unità di Crisi. Nell'aggiornamento sulla 'Patologia polmonare nell'Hubei' che porta la data di oggi, si richiamano le raccomandazioni delle autorità sanitarie locali e internazionali (l'Oms) sulla necessità di "evitare qualsiasi contatto con animali e con persone affette da patologie respiratorie nell'area interessata.

RESTRIZIONI AI VIAGGI: "Se i dati confermassero un'estensione del focolaio del nuovo coronavirus non si escludono misure più importanti a livello internazionale, che potrebbero esser prese domani dall'Organizzazione Mondiale della Sanità: dai controlli più serrati negli aeroporti allo sconsigliare spostamenti, fino alle restrizioni dei viaggi, chiaramente non da tutta la Cina ma solo dalla città di Wuhan". A spiegarlo all'ANSA è Gianni Rezza, direttore del Dipartimento Malattie infettive dell'Istituto superiore di Sanità. I dati che arrivano sono frammentari, si parla di 300 casi ufficialmente confermati del nuovo virus, ma quelli reali sarebbero verosimilmente circa 1700. Un numero "tutto sommato ancora ristretto" ma "seppure sia basso, il rischio che il virus arrivi in Europa esiste", afferma Rezza. A quanto sembra dagli elementi a disposizione, prosegue, "il nuovo virus sembra essere meno aggressivo e virulento di quello della Sars e questo potrebbe renderlo un po' più difficile da tenere sotto sorveglianza, perché i casi meno gravi tendono di più a sfuggire dal controllo". D'altronde, prosegue, "con la Sars furono prese misure molto drastiche, grazie alle quali si è riusciti ad arginare una minaccia globale importante: ovvero restrizioni a viaggi internazionali, che per ora non sono state disposte, controlli dei viaggi in partenza e in arrivo, che sono già stati adottati, e la messa in quarantena dei contatti".
"Stiamo seguendo la situazione" del virus cinese "in contatto col Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie (Ecdc). Una riunione con gli Stati membri c'è già stata il 17 gennaio e ne è stata convocata una per domani, dopo una nuova valutazione del Centro". Così un portavoce della Commissione europea. "L'organizzazione mondiale della sanità non ha raccomandato restrizioni sui viaggi, e anche il comitato d'urgenza dell'Oms si riunirà domani". (ANSA)

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook