Myanmar, proteste di massa in tutto il Paese - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
12
Mer, Mag

Myanmar, proteste di massa in tutto il Paese

Mondo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Manifestazioni di massa in tutto il Myanmar, dove nonostante i divieti imposti dalla giunta militare si continua a scendere in piazza contro il golpe del primo febbraio.

Gli attivisti hanno ribattezzato la giornata di oggi la "rivoluzione dei cinque due", con riferimento alla data del 22.2.2021, e l'hanno paragonata alla data all'8 agosto 1988 (i ''quattro otto'') quando i militari hanno risposto con una dura repressione, uccidendo e ferendo centinaia di manifestanti. 

Manifestazioni oceaniche si sono viste oggi nella principale città del Paese Yangon, nella capitale Naypyidaw e a Mandalay, come riporta 'Frontier Myanmar'. Circa un migliaio di persone si sono riunite davanti all'ambasciata degli Stati Uniti. Manifestazioni anche a Myitkyina nel nord, a Bhamo vicino al confine con la Cina e nella centrale Pyinmana. 

La giunta militare ha intanto diffuso una nota su Mrtv accusando i manifestanti in piazza oggi di incitamento alla ''rivolta e anarchia''. Il Consiglio di amministrazione dello Stato, nome ufficiale della giunta militare, ha affermato che ''i manifestanti stanno ora incitando le persone, in particolare adolescenti e giovani emotivi, a un percorso di confronto in cui subiranno la morte". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002