Johnson: "Contagi giù per lockdown, non per vaccino" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mar, Mag

Johnson: "Contagi giù per lockdown, non per vaccino"

Mondo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Contagi da coronavirus e decessi per covid sono diminuiti per il lockdown e non per le vaccinazioni. E' l'opinione del premier britannico Boris Johnson, come riferisce Sky News. "I numeri stanno scendendo: infezioni, ricoveri, decessi. Ma è importante che tutti capiscono che il calo di questi dati non è stato ottenuto con il programma di vaccinazione", ha detto il primo ministro. "Credo che la gente non si renda conto del fatto che il lockdown è stato fondamentale per arrivare a questi miglioramenti" nella gestione della pandemia "e per arrivare a queste cifre" 

"E' chiaro -ha aggiunto- il programma di vaccinazione ha contribuito, ma gran parte del lavoro" per piegare la curva dei contagi e abbassare drasticamente il numero delle vittime "è stato fatto dal lockdown". Da ieri si è aperta la fase delle riaperture per molte attività, compresi pub e palestre. "Con le riaperture, inevitabilmente vedremo più contagi e purtroppo anche più ricoveri e morti. La gente deve comprenderlo". Nonostante questa considerazione, "al momento" il premier non vede "alcun motivo" per modificare la strategia. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002