La Francia avanza a Piazza Affari - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mar, Mag

La Francia avanza a Piazza Affari

Mondo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Il peso degli investitori francesi a Piazza Affari è in aumento nel 2020 e gli istituzionali, come grandi fondi o banche d'affari, sono diventati l'8% del totale della categoria, dal 7% del 2019. Tra di loro ci sono Amundi, Lazard, Bnp, Axa, Lixor, per citarne alcuni. Secondo i dati di Borsa Italiana consultati dall'Adnkronos, tra case di investimento e partecipazioni rilevanti (insider), gli investitori francesi sono 157 nel 2020, 33 in più di un anno prima, e pesano per circa 13,59 miliardi di euro, ossia il 2,6% della capitalizzazione del Ftse Mib a fine 2020, che era circa 519 miliardi di euro. A fine 2019, la stessa percentuale era il 2,5%. 

Con l'arrivo di Peugeot e dello Stato francese, che possiedono il 13,4% di Stellantis, quota che oggi vale poco più di 7 miliardi, la Francia arriva ad avere in mano circa il 4% di Piazza Affari. Percentuali che salirebbero se si potesse calcolare il peso del retail e delle quote di minoranza su cui si mantiene riserbo. Gli investitori francesi, ad ogni modo, sono ancora poca cosa rispetto al peso di Stati Uniti e Regno Unito, che con i big del risparmio gestito (vedi BlackRock, Vanguard, State Street) possiedono complessivamente circa il 50% delle quotate.  

La differenza, però, la fa il tipo di investimento, che nel caso dei 'partner' francesi è per lo più industriale, e quindi a lungo termine, mentre nel caso degli Usa è in gran parte finanziario. L'avanzata della Francia alla conquista di aziende italiane (quotate e non) è un fatto. In passato, i casi più eclatanti sono stati Parmalat, Edison, Bnl o i grandi brand del lusso passati a Lvmh come Bulgari, Loro Piana e Fendi. In anni più recenti ha destato preoccupazioni l'attivismo di Vivendi, che in poco tempo ha conquistato quote rilevanti nel capitale di Mediaset e Telecom. 

Le ultime grandi operazioni hanno riguardato due big dell'imprenditoria italiana ma sono state amichevoli: è il caso di Luxottica, ormai fusa in EssilorLuxottica, e Fca, diventata Stellantis dopo il matrimonio con Peugeot. L'ultima, che ha suscitato clamore e perplessità tra alcuni esponenti politici, è stata l'acquisizione nell'ottobre 2020 di Borsa italiana da parte di Euronext, la società che controlla i principali listini europei a guida francese, dove Parigi ha un peso rilevante nell'azionariato con la sua Caisse des Dépôts et Consignations. Secondo Maurizio Novelli, gestore del Lemanik Global Strategy Fund, in Svizzera, il problema è che "i francesi hanno una strategia, l'Italia no".  

L'atteggiamento di 'conquista' adottato dai cugini d'oltralpe "trova riscontro nei fatti già da diversi anni: dopo la crisi del 2008 la Francia ha attuato una politica mirata di investimenti per acquistare società italiane indebolite dalla crisi". Più di recente, i radar dei francesi si sono spostati su società più piccole: è significativo, ad esempio, l'ingresso della società tlc Iliad nel capitale di Unieuro con una quota del 12%, mentre la banca valtellinese Creval potrebbe presto passare al Credit Agricole, se la sua opa andrà a buon fine.  

Lo shopping dell'industria e degli imprenditori francesi tra le società italiane non finirà molto presto. "Il problema è che non abbiano una politica industriale mirata" e, dopo l'emergenza Covid, "l'approccio francese è destinato ad aumentare, soprattutto se l'Italia passerà un altro periodo di debolezza economica e gli imprenditori cominceranno a vendere", fa notare Novelli. Il passaggio della Borsa di Milano a Euronext non dovrebbe cambiare molto: il trend è già in atto. (di Vittoria Vimercati) 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002