Russia-Ucraina, sale tensione: chiuse aree del Mar Nero - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Lun, Mag

Russia-Ucraina, sale tensione: chiuse aree del Mar Nero

Mondo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

La Russia ha annunciato che chiuderà per sei mesi, fino a ottobre, alcune aree del Mar Nero dove si svolgeranno manovre militari, in quello che viene considerato un ulteriore atto provocatorio mentre sale la tensione nell'est dell'Ucraina. Il ministero della Difesa di Mosca ha reso noto che il traffico navale attraverso gli stretti di Kerch al largo della Crimea non sarà coinvolto.  

A partire dal 24 aprile sarà chiusa un'area del Mar Nero al largo della penisola 'annessa illegalmente' da Mosca secondo la comunità internazionale per poter permettere esercitazioni navali: navi da guerra straniere ed altre imbarcazioni non potranno incrociare nell'area, mentre sarà permesso il passaggio dei cargo. 

Mosca sostiene che le zone coinvolte facciano parte delle acque territoriali russe, una rivendicazione contestata a livello internazionale. 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002