Covid India, contagi record: Germania, Gb e Usa in soccorso - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Gio, Mag

Covid India, contagi record: Germania, Gb e Usa in soccorso

Mondo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Per contrastare l'ondata di Covid in India e scongiurare la diffusione della variante indiana, Germania, Gran Bretagna e Usa promettono aiuti alla sanità e alla popolazione in tempi rapidi. Nei prossimi giorni Berlino invierà infatti ossigeno medicale e materiale sanitario nel Paese dove la situazione è sempre più drammatica, con 353mila casi di coronavirus registrati in solo 24 ore. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri tedesco, Heiko Maas, in un'intervista al 'Rheinische Post'. 

"La seconda ondata attualmente sta colpendo l'India con una potenza senza precedenti. E' stato giusto agire rapidamente per fermare l'ingresso della nuova variante in Germania", ha proseguito Maas, riferendosi alle misure adottate dal governo tedesco. Da oggi le persone in arrivo dall'India potranno entrare in Germania solo presentando un test con esito negativo e dovranno restare in quarantena per 14 giorni. Maas ha aggiunto che la Germania farà il massimo per aiutare l'India a superare questa fase di emergenza. 

Anche il governo britannico farà "il possibile per alleviare la sofferenza" dell'India, ha dichiarato il ministro britannico della Difesa, Ben Wallace, in un'intervista a 'Sky News'. "Il Regno Unito invierà in India ventilatori e ossigeno, cose che sono davvero necessarie in questo momento - ha affermato - La pressione sugli ospedali in India sta diventando insostenibile e faremo la nostra parte per assicurarci che i nostri amici in India ricevano tutto il supporto possibile. Se ricordate, abbiamo commissionato un numero enorme di ventilatori per alleviare la pressione sui nostri ospedali: è giusto condividerli ed aiutare l'India nel momento del bisogno". "Se necessario, metteremo a disposizione aerei militari o noleggeremo altri aerei: faremo tutto il possibile per alleviare le loro sofferenze", ha aggiunto. 

E ieri gli Stati Uniti hanno promesso di "distribuire rapidamente" aiuti all'India. “I nostri cuori sono rivolti al popolo indiano nel mezzo dell'orribile pandemia di Covid-19 – ha scritto su Twitter il segretario di stato americano, Antony Blinken - Stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri partner nel governo indiano e forniremo rapidamente ulteriore supporto al popolo indiano e agli eroi dell'assistenza sanitaria dell'India". 

Nel frattempo, in un discorso alla nazione, il primo ministro indiano Narendra Modi ha detto che il paese è stato profondamente scosso da una travolgente seconda ondata. Per combattere il virus bisognerebbe dare priorità alle prove scientifiche, ha aggiunto, ma unita “l’India uscirà presto da questa crisi”. 

"Allarmati dalla situazione epidemiologica in India. Siamo pronti a sostenere. La Ue sta mettendo insieme risorse per rispondere alla richiesta di assistenza dell'India attraverso il meccanismo di protezione civile europea. Siamo pienamente solidali con l'India". Così ieri su Twitter la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002