Belgio, spot corsi italiano con riferimenti a 'Ndrangheta: polemica - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mar, Mag

Belgio, spot corsi italiano con riferimenti a 'Ndrangheta: polemica

Mondo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Sta scatenando polemiche una campagna pubblicitaria commissionata dall'Università di Lovanio (Leuven), in Belgio, per promuovere corsi di lingua italiana. "Così non ordinerai più una 'ndrangheta per dolce", è lo slogan riportato sui manifesti che campeggiano in queste ore per le strade di Bruxelles e dintorni. 

"E' inconcepibile come nel 2020 dobbiamo ancora osservare cadute di stile come quella di un'università a poche decine di chilometri da Bruxelles, ovvero nell'epicentro istituzionale dell'Europa pulsante, omnicomprensiva, includente e multirazziale, che fanno leva su stereotipi negativi, lesivi della dignità di un popolo, in questo caso il nostro, per vendere qualche corso di lingua", commenta Vicky Gitto, presidente dell'Art Directors Club Italiano (Adci), l'associazione dei pubblicitari italiani. 

"Relativamente alle 'menti' che l'hanno pensata e realizzata – continua Gitto – direi che sono un po' come quei pseudo-comici che a corto di talento e idee si affidano a battute volgari per 'raccattare' qualche mezza risata. Semmai è imbarazzante che il committente sia un'università, e non di una 'Repubblica delle banane', ma di un paese civile ed evoluto che con l'Italia ha fondato l'Europa unita. Il tutto condito dall'evidente consenso delle autorità locali che ne hanno autorizzato l'affissione". 

"Io credo - conclude il presidente dei pubblicitari italiani - che se questa 'cosa' potrebbe fare un po' arrabbiare noi italiani, e certamente tutti quei nostri compatrioti che lì lavorano, quindi non solo studenti, panettieri, ingegneri, ma anche compatrioti come ad esempio un certo David Sassoli, anch’egli 'impiegato' da quelle parti, dovrebbe d'altro canto imbarazzare non poco accademici, autorità e i tanti bravi cittadini belgi. Visto che questa trovata dileggia noi, ma in fondo umilia tutti loro". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002