Terrorismo, figlio Sabbadin: "No accanimento, su estradizione confido in decisione equa" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Mer, Giu

Terrorismo, figlio Sabbadin: "No accanimento, su estradizione confido in decisione equa"

Esteri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Nessun accanimento, chiedo solo verità e giustizia. Sull'estradizione deciderà la magistratura e confido in una decisione equa". A dirlo all'Adnkronos Adriano Sabbadin, figlio di Lino, il macellaio ucciso il 16 febbraio 1979 a Santa Maria di Sala (Venezia) dai membri del gruppo Proletari Armati per il Comunismo, all'indomani della prima udienza alla Corte d’Appello di Parigi per i nove ex terroristi rossi che hanno tutti rifiutato l’estradizione. Tra loro anche Luigi Bergamin. 

Adriano Sabbadin interviene poi sulle dichiarazioni dell'ex brigatista Marina Petrella - a giudizio della quale "le vittime per le quali siamo stati condannati sono state largamente risarcite da tutti i compagni che hanno fatto ergastoli" (riporta il 'Corriere della Sera') - e dice: "Se questo sarebbe il risarcimento, mi spiace, ma non paga. Credo che scappare dalla realtà non sia umano; ognuno deve espiare le proprie colpe con dignità e onore e non scappare in altri Paesi nascondendosi sotto altre identità. Aspetto che qualcuno veramente prenda una decisione di coscienza, altrimenti penso e credo solo a una giustizia divina. Solo Dio ci giudica". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002