Yara: morta la mamma di Massimo Bossetti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Lun, Set
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Yara: morta la mamma di Massimo Bossetti

Yara: morta la mamma di Massimo Bossetti

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ester Arzuffi era malata da tempo

Yara: morta la mamma di Massimo Bossetti
Yara: morta la mamma di Massimo Bossetti

 

MILANO, 29 APR - E' morta nel corso della notte Ester Arzuffi, madre di Massimo Bossetti condannato in appello all'ergastolo per l'omicidio di Yara Gabirasio. La donna aveva 70 anni ed era malata da tempo. Ester Arzuffi è morta in ospedale a Ponte San Pietro (Bergamo). Aveva sempre proclamato l'innocenza del figlio. Yara era scomparsa il 26 novembre del 2010 e fu trovata uccisa tre mesi dopo in un campo a Chignolo d'Isola, sempre nel Bergamasco. Ester Arzuffi aveva anche sempre negato che Massimo fosse figlio di Giuseppe Guerinoni l'autista di autobus di Gorno scomparso nel 1999, come invece accertato nelle indagini. All'uomo gli investigatori erano giunti esaminando il dna trovato sul corpo della ragazza che, una volta comparato, risultò essere di Bossetti. Il muratore bergamasco è in attesa del processo in Cassazione che comincerà il 12 ottobre.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook