Ragazza uccisa in Pakistan, assolti padre, zio e fratello - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Sab, Mag

Ragazza uccisa in Pakistan, assolti padre, zio e fratello

Ragazza uccisa in Pakistan, assolti padre, zio e fratello

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Portata via da Brescia per costringerla a nozze combinate, morta perché le rifiutò

Ragazza uccisa in Pakistan, assolti padre, zio e fratello
Ragazza uccisa in Pakistan, assolti padre, zio e fratello

 

Un tribunale pachistano ha assolto "per mancanza di prove certe" il padre, lo zio e il fratello di Sana Cheema, la 25enne italo-pachistana portata via da Brescia nell'aprile del 2018 per costringerla a nozze combinate nel Paese d'origine della famiglia e poi uccisa perché le aveva rifiutate. I familiari avevano inizialmente detto che Sana era morta per cause naturali, ma l'autopsia rivelò che era stata strangolata.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002