Said Mechaquat non doveva essere libero, la Corte di Appello: serve personale
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Dom, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Said Mechaquat non doveva essere libero, la Corte di Appello: serve personale

Said Mechaquat non doveva essere libero, la Corte di Appello: serve personale

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il ministero valuta l'invio degli ispettori

Said Mechaquat non doveva essere libero, la Corte di Appello: serve personale
Said Mechaquat non doveva essere libero, la Corte di Appello: serve personale

 

"Sono qui a prendermi i pesci in faccia, come è giusto che sia, ma non scrivete che la colpa è solo dei magistrati. Non è neanche giusto distinguere tra magistrati e cancelleria, ma la massa di lavoro da smaltire è tale che il ministero della Giustizia dovrebbe provvedere ad assumere cancellieri e assistenti perché è quello di cui abbiamo bisogno". Così Edmondo Barelli Innocenti, presidente della Corte d'appello di Torino, sulla mancata carcerazione di Said Mechaquat, 27enne che ha confessato l'omicidio Leo ai Murazzi.

"Come rappresentante dello Stato mi sento di chiedere scusa alla famiglia di Stefano Leo. Non consento di dire che la Corte d'appello sia corresponsabile dell'omicidio. Qui abbiamo fatto quello che dovevamo fare", ha detto Barelli Innocenti. "C'è stato un problema. Posso scusarmene, ma non c'è nessuna certezza che Mechaquat Said - ribadisce - potesse essere ancora in carcere il 23 febbraio".

Sulla circostanza per cui Said Mechaquat si trovasse in libertà, il ministero della Giustizia non ha proceduto al momento all'invio degli ispettori per valutare il caso ma sta studiando la vicenda e acquisendo informazioni. Non è escluso - secondo quanto apprende ANSA - che possa attivarsi nelle prossime ore.

Said Mechaquat non avrebbe dovuto essere a piede libero: l'uomo era stato condannato a un anno e sei mesi per maltrattamenti in famiglia con una sentenza, diventata definitiva, che per lui comportava la carcerazione. Secondo fonti interpellate dall'ANSA, ci sarebbe stato un ritardo, o un intoppo, nella trasmissione dei documenti dalla Corte d'appello alla procura presso il tribunale.

Said non aveva ottenuto la condizionale per via dei suoi precedenti. Inoltre non aveva diritto a chiedere subito misure alternative per via del coinvolgimento di un minorenne nella vicenda. La condanna di primo grado, del 2015, era diventata irrevocabile perché il ricorso era stato giudicato inammissibile dalla Corte d'appello.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook