Migranti: Sea Eye, evacuati in 5 dalla Alan Kurdi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Dom, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Migranti: Sea Eye, evacuati in 5 dalla Alan Kurdi

Migranti: Sea Eye, evacuati in 5 dalla Alan Kurdi

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Per uno di loro è stato deciso dopo un tentativo di suicidio. Leu: 'Fateli sbarcare, serve discontinuità'

Migranti: Sea Eye, evacuati in 5 dalla Alan Kurdi
Migranti: Sea Eye, evacuati in 5 dalla Alan Kurdi

 

Cinque dei 13 migranti salvati dalla Alan Kurdi sono stati evacuati per motivi medici. Lo conferma lo staff della Sea Eye, che da oltre una settimana è al largo di Malta in attesa di conoscere il posto dove sbarcare. Quattro delle persone evacuate sono minorenni, tre diciassettenni e un quindicenne. Per uno di loro è stata disposta l'evacuazione dopo un tentativo di suicidio. "Fate sbarcare i naufraghi che sono a bordo della nave Alan Kurdi", Lo scrive su twitter Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana. "È il segnale di quella discontinuità - conclude il parlamentare di Leu - che serve a questo Paese per recuperare dignità ed umanità".

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook