VILLA DEL CONTE (PADOVA), Sindaco istituisce l'assessorato alla solitudine: ''Siamo diventati robot''
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Gio, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

VILLA DEL CONTE (PADOVA), Sindaco istituisce l'assessorato alla solitudine: ''Siamo diventati robot''

VILLA DEL CONTE (PADOVA), Sindaco istituisce l'assessorato alla solitudine: ''Siamo diventati robot''

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Un assessorato alla solitudine. È questa la particolare decisione presa dal sindaco di Villa del Conte (Padova), Antonella Argenti che ha introdotto la particolare delega tra le competenze dei suoi assessori per venire a particolari esigenze dei suoi concittadini. «Oggi siamo tutti soli — ha detto il primo cittadino all’Adnkronos — non c’è più un contesto familiare che ti aiuta nei problemi e nelle incombenze quotidiane.

VILLA DEL CONTE (PADOVA), Sindaco istituisce l'assessorato alla solitudine: ''Siamo diventati robot''
VILLA DEL CONTE (PADOVA), Sindaco istituisce l'assessorato alla solitudine: ''Siamo diventati robot''

 

L’ho constatato di persona fin dal primo giorno della mia amministrazione: una moltitudine di persone venivano in Comune a chiedere aiuti di ogni genere riguardanti la sfera personale. Con l’assessore al sociale, Graziella Vigri ci siamo date da fare per venire incontro a tutti, e non si tratta solo di anziani, ma di fasce deboli: dai disoccupati, alle mamme sole. Così ora ho pensato di ufficializzare con una delega una situazione di fatto».

«Perché, l’assessorato al sociale ha un ambito più socio-sanitario, la delega alla solitudine si rivolge ad un aspetto più generale, anche burocratico, a qualsiasi bisogno della persona - spiega il primo cittadino di Villa del Conte - è un supporto concreto, fattivo ai miei concittadini che chiedono aiuto per una pratica, un indirizzo, un suggerimento per i problemi che ogni giorno ci troviamo ad affrontare», conclude.

«Tutti, giovani e anziani, uomini e donne, lamentavano problemi diversi ma lo stesso identico tipo di solitudine – continua la sindaca di centrodestra -. La mancanza di una rete di supporto. Sei solo con il tuo telefono a sbrigare le bollette, sei solo davanti a un centralino automatizzato che ti rimanda sempre a un’altra voce registrata, solo per chiedere informazioni, solo anche per domandare documenti che servono per la scuola o per gli esami medici. La burocrazia è stata disumanizzata. Ma non si è sveltita. Mancano le relazioni. Stiamo diventando tutti dei robot viventi».

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook