Covid, Vaia: "Mille contagi è un alert, ma non è seconda fase"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Mer, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Covid, Vaia: "Mille contagi è un alert, ma non è seconda fase"

Covid, Vaia: "Mille contagi è un alert, ma non è seconda fase"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"I mille contagi di oggi ci dicono grande attenzione, grande alert, ma non ci dicono che siamo in una tragedia e soprattutto non ci dicono che siamo nella seconda fase.

Covid, Vaia:
Covid, Vaia: "Mille contagi è un alert, ma non è seconda fase"

 

La seconda fase non è ineluttabile". Lo ha detto il direttore sanitario dell'Istituto Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, intervenuto all'incontro dialogo sul Covid-19 con il direttore del Tg3 Mario Orfeo nella Sala delle Colonne di Vico Equense (Napoli). "Un politico - ha raccontato Vaia - ci disse che era meglio fare le elezioni a inizio settembre perché alcuni miei colleghi dicevano che a fine settembre ci sarebbe stata la seconda ondata. Ma che facciamo noi, i meteorologi? Io sono stato il primo a rivolgermi ai ragazzi dicendo che nessuno vuole chiudere ma che devono stare attenti, e che se volete bene ai vostri genitori e ai vostri nonni dovete rispettare le regole. Questo è l'atteggiamento, non la criminalizzazione".

"Io sono stato e resto sempre contrario a interventi di lockdown, anche se riconosco che il lockdown in Italia ha dato un risultato e che in quel periodo probabilmente era necessario. Ma a valle di quel periodo il lockdown non serve a molto. Quei governatori che si esercitano in queste minacce secondo me si rendono responsabili, soprattutto di fronte ai più giovani, di un delitto, che è il delitto della sequela post Covid". "Ai giovani bisogna parlare molto chiaramente - ha aggiunto Vaia - e bisogna dar loro speranza. Noi non abbiamo bisogno di lockdown, abbiamo bisogno dello spirito che gli italiani hanno messo in campo durante quel periodo. Se penso a quando uscivo dalla mia stanza alle 7 di sera e sentivo alle finestre cantare l'Inno di Mameli o Nessun dorma, ancora oggi ho i brividi. Era quello lo spirito giusto in cui ciascuno faceva la sua parte".

"Al di là del numero dei contagiati, da gennaio a oggi è cambiata la carta d'identità del contagiato. Da gennaio a maggio era il contagiato aveva un'età media tra i 60 e i 65 anni, era una persona fragile, aveva patologie cronico-degenerative, c'erano anche persone giovani ma comunque molto fragili, con patologie importanti. Oggi la carta d'identità è molto cambiata: siamo passati a una media di 34 anni". "Oggi - ha aggiunto Vaia - il contagiato, non il paziente, è una persona prevalentemente giovane, che torna da un altro Paese o da un'area geografica italiana precisa come la Sardegna. Questi giovani oggi sono i diffusori del contagio e sono quelle persone che paradossalmente, pur essendo asintomatici o pochissimo sintomatici, possono essere pericolosi per coloro che hanno invece dei problemi. Il rischio in questo momento è che questi giovani, dopo essere stati molto attenti alle procedure, se in questa fase non dovessero rigidamente autoisolarsi fiduciariamente, possono diventare pericolosi per i propri genitori e per i propri nonni".

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook