Ordine medici Bergamo: "Qui D-Day, noi siamo morti e Prof non fanno test"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Sab, Ott
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Ordine medici Bergamo: "Qui D-Day, noi siamo morti e Prof non fanno test"

Ordine medici Bergamo: "Qui D-Day, noi siamo morti e Prof non fanno test"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Sa in quanti hanno perso la vita nel D-Day, il giorno dello sbarco in Normandia? Sono morti 2.500 soldati, mentre qui nella bergamasca le vittime di Covid-19 sono state 6mila, con 30 decessi fra i medici e 6 tra i dottori di famiglia".

"Sa in quanti hanno perso la vita nel D-Day, il giorno dello sbarco in Normandia? Sono morti 2.500 soldati, mentre qui nella bergamasca le vittime di Covid-19 sono state 6mila, con 30 decessi fra i medici e 6 tra i dottori di famiglia". Una strage che "potrebbe ripetersi, da noi come altrove". Ma "chi non ha vissuto qui non ci crede", e così fra il personale scolastico c'è ancora chi esita a sottoporsi a un semplice test sierologico. E' amara la riflessione di Guido Marinoni, presidente dell'Ordine dei medici di Bergamo, che attraverso l'Adnkronos Salute lancia un appello a docenti e operatori: "Aderite alla campagna di screening", perché "quello che è successo da noi non va dimenticato". Sulle spiagge atlantiche del D-Day "sono sbarcati 134mila soldati e ne sono morti 2.500 - ripete Marinoni - A Bergamo, per l'emergenza coronavirus, su un numero stimato di contagiati che arriva a 300mila, sono morti in 6mila. Non solo tra noi medici, lasciati soli senza mascherine e senza niente, ma anche e soprattutto fra la gente normale". E "ancora, sempre per fare un paragone bellico - continua il camice bianco - lo sa quante vittime ci sono state durante la Seconda Guerra mondiale a Milano, città molto bombardata? Duemila civili in 5 anni", 3 volte meno dei 6mila uccisi in pochi mesi dal nemico invisibile. "Forse chi non ha vissuto qui non si rende conto di quello che è successo, forse lo sente come una cosa che ha riguardato altri, ma sarebbe proprio il caso di faglielo capire", incalza Marinoni. "E' importante che tutti ci credano e se ne ricordino", perché "l'unica cosa che ha salvato il resto d'Italia da un dramma come il nostro è stato il lockdown". Serve memoria e serve responsabilità, esorta il numero uno dei medici bergamaschi: "Penso che quella dei test sierologici agli operatori della scuola sia un'iniziativa assolutamente utile e importante", spiega. E nonostante l'esame che cerca gli anticorpi anti Sars-CoV-2 a Bergamo l'abbiano "già fatto in molti, per via delle diverse campagne di screening, anche tardive, che sono state organizzate" in passato, Marinoni segnala "un fatto che lascia perplessi": mentre in generale in Italia i test per le scuole sono partiti a rilento, "da noi per il sierologico gli insegnanti si sono presentati in tantissimi. Probabilmente in tanti lo hanno già fatto ma lo rifanno, proprio perché l'epidemia qui ha colpito duro e molti sono stati toccati anche negli affetti familiari. Qui non c'è una famiglia - ricorda il medico - che non abbia avuto un parente o un amico morto. Bisogna crederci, non dobbiamo dimenticare".

 

Una strage che "potrebbe ripetersi, da noi come altrove". Ma "chi non ha vissuto qui non ci crede", e così fra il personale scolastico c'è ancora chi esita a sottoporsi a un semplice test sierologico. E' amara la riflessione di Guido Marinoni, presidente dell'Ordine dei medici di Bergamo, che attraverso l'Adnkronos Salute lancia un appello a docenti e operatori: "Aderite alla campagna di screening", perché "quello che è successo da noi non va dimenticato". Sulle spiagge atlantiche del D-Day "sono sbarcati 134mila soldati e ne sono morti 2.500 - ripete Marinoni - A Bergamo, per l'emergenza coronavirus, su un numero stimato di contagiati che arriva a 300mila, sono morti in 6mila. Non solo tra noi medici, lasciati soli senza mascherine e senza niente, ma anche e soprattutto fra la gente normale". E "ancora, sempre per fare un paragone bellico - continua il camice bianco - lo sa quante vittime ci sono state durante la Seconda Guerra mondiale a Milano, città molto bombardata? Duemila civili in 5 anni", 3 volte meno dei 6mila uccisi in pochi mesi dal nemico invisibile. "Forse chi non ha vissuto qui non si rende conto di quello che è successo, forse lo sente come una cosa che ha riguardato altri, ma sarebbe proprio il caso di faglielo capire", incalza Marinoni. "E' importante che tutti ci credano e se ne ricordino", perché "l'unica cosa che ha salvato il resto d'Italia da un dramma come il nostro è stato il lockdown". Serve memoria e serve responsabilità, esorta il numero uno dei medici bergamaschi: "Penso che quella dei test sierologici agli operatori della scuola sia un'iniziativa assolutamente utile e importante", spiega. E nonostante l'esame che cerca gli anticorpi anti Sars-CoV-2 a Bergamo l'abbiano "già fatto in molti, per via delle diverse campagne di screening, anche tardive, che sono state organizzate" in passato, Marinoni segnala "un fatto che lascia perplessi": mentre in generale in Italia i test per le scuole sono partiti a rilento, "da noi per il sierologico gli insegnanti si sono presentati in tantissimi. Probabilmente in tanti lo hanno già fatto ma lo rifanno, proprio perché l'epidemia qui ha colpito duro e molti sono stati toccati anche negli affetti familiari. Qui non c'è una famiglia - ricorda il medico - che non abbia avuto un parente o un amico morto. Bisogna crederci, non dobbiamo dimenticare".  

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook