"In discoteca con app Immuni e con tampone rapido", la proposta dei gestori
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Mer, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

"In discoteca con app Immuni e con tampone rapido", la proposta dei gestori

"In discoteca con app Immuni e con tampone rapido", la proposta dei gestori

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Se non riapriamo falliremo tutti, l'intero settore scomparirà".

"In discoteca con app Immuni e con tampone rapido", la proposta dei gestori

 

E' lapidario il presidente del Silb-Fipe, l'organizzazione che associa oltre il 90% di discoteche e sale da ballo censite dalle Camere di Commercio, Maurizio Pasca, imprenditore salentino, proprietario del 'Quattro colonne' di Gallipoli. "Tranne che una breve parentesi estiva, per i soli locali all'aperto, siamo chiusi dal 23 febbraio scorso e non abbiamo avuto nessun sostegno da parte del governo, non un euro né una parola , siamo un settore dimenticato, evidentemente siamo considerati 'brutti, sporchi e cattivi'", dice Pasca all'AdnKronos in relazione al Dpcm ottobre in materia appunto di discoteche.

"In Italia ci sono circa 3mila fra discoteche e sale da ballo che 'valgono', in termini di fatturato, 1 miliardo 200mila euro ed hanno circa 50mila dipendenti, con vari tipi di contrattualizzazione' e un indotto di altri 50mila lavoratori, in gran parte figure atipiche come pr, vocalist, dj - snocciola Pasca - ma mentre all'estero il settore è considerato parte integrante, e importante, del turismo, pensiamo a esempi macroscopici come la centralità di questo intrattenimento a Ibiza, in Italia, semplicemente, non siamo considerati".

Che fare? "Posto che se non riapriamo questo inverno, se si slitta a marzo o addirittura a ottobre prossimo e intanto, come già avviene da mesi, paghiamo affitti, bollette e quant'altro senza incassare un soldo, se succede questo scompariremo, le soluzioni volendo si trovano: si potrebbero far entrare solo le persone che hanno scaricato l'app Immuni e solo dopo aver fatto sul posto, con esito negativo, il tampone rapido. Basta dare le regole giuste", conclude Pasca.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook