Covid, test rapido olfatto 'made in Italy' svela infezione
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Mer, Nov
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Covid, test rapido olfatto 'made in Italy' svela infezione

Covid, test rapido olfatto 'made in Italy' svela infezione

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Un sistema oggettivo per rilevare e 'misurare' uno dei primi sintomi di Covid-19: l'alterazione della percezione olfattiva. A metterlo a punto e testarlo gli autori di uno studio tutto italiano accettato per la pubblicazione su 'Frontiers in Medicine'.

Covid, test rapido olfatto 'made in Italy' svela infezione
Covid, test rapido olfatto 'made in Italy' svela infezione

 

Il nuovo test rapido 'made in Italy' "in appena 2 minuti permette di capire se un paziente è in grado di percepire gli odori, e quindi di stabilire il grado di alterazione olfattiva. Si tratta di uno studio pionieristico, condotto su 100 pazienti con forme severe, 50 soggetti sani e 20 pazienti di controllo, sottoposti a dialisi e che avevano disturbi dell'olfatto ma non Covid-19", spiega all'Adnkronos Salute Andrea Mazzatenta dell'Università degli Studi G. d'Annunzio Chieti, autore del lavoro insieme a Giampiero Neri, Damiano D'Ardes, Carlo De Luca, Camillo Di Giulio, Stefano Marinari, Ettore Porreca, Francesco Cipollone, Jacopo Vecchiet, Chiara Falcicchia, Vincenzo Panichi e Nicola Origlia.

Lo studio sfrutta un dispositivo innovativo: l'olfactory mmart threshold test (Ost Test), ideato dal gruppo dei neurofisiologi. Il team ha utilizzato il test olfattivo - ingegnerizzato dall'azienda pescarese The Prototype srl - per la prima sperimentazione sui malati di Covid-19. "Abbiamo monitorato la capacità olfattiva dei pazienti all'arrivo in pronto soccorso con forme severe. Abbiamo scoperto così che chi ha peggiori capacità olfattive ha anche un virus più aggressivo, mentre chi ha una bassa carica infettante ha capacità olfattive leggermente migliori. Lo studio ci ha convinti del fatto che servono test oggettivi, come questo, per valutare questo sintomo, che potrebbe essere considerato anche una prima possibile spia precoce dell'infezione".

"Le persone con Covid-19 riferiscono anche di non sentire il gusto, ma questo non è esatto. Lo percepiscono, come abbiamo visto nel corso della sperimentazione. Quello che non sentono sono i sapori, perché quella dei sapori è una percezione cross modale che coinvolge gusto e olfatto. Sono proprio le alterazioni dell'olfatto a 'spegnere' i sapori", dice Mazzatenta. In particolare, i ricercatori hanno visto che, tra i pazienti Covid all'arrivo in pronto soccorso, "era molto diffusa una forma di iposmia servera". Subito dopo viene l'anosmia, e gli odori scompaiono del tutto.

L'Ost Test è un kit realizzato anche grazie alla stampa 3D, e prevede l'uso una App gratuita per smartphone e tablet per poter eseguire correttamente l'esame e confermare il risultato del test in tempo reale.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook