Forti piogge e poi gelo siberiano, ecco dove e quando - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
06
Gio, Mag

Forti piogge e poi gelo siberiano, ecco dove e quando

Forti piogge e poi gelo siberiano, ecco dove e quando

Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il tempo sull'Italia continua a mantenersi piuttosto instabile a causa del continuo afflusso di perturbazioni atlantiche. La settimana appena iniziata sarà quella decisiva dell’inverno; infatti, dalle piogge che colpiranno il Paese fino a mercoledì si terminerà con una poderosa irruzione di venti siberiani.

Forti piogge e poi gelo siberiano, ecco dove e quando
Forti piogge e poi gelo siberiano, ecco dove e quando

 

Il team del sito www.iLMeteo.it comunica che una serie di perturbazioni interesserà l’Italia fino a mercoledì. Inizialmente saranno maggiormente colpite le regioni tirreniche centrali e meridionali con rovesci localmente intensi e temporali, poi mercoledì si aggiungerà anche il Nord. La giornata più perturbata sarà proprio quella di mercoledì 10 quando le precipitazioni saranno diffuse su molte regioni e potranno assumere carattere di nubifragio su Liguria di levante, Toscana settentrionale, Lazio (specie meridionale), Campania e Calabria. La perturbazione sarà alimentata da aria più fresca in quota e sospinta da intensi venti di Libeccio e Scirocco che potranno soffiare con raffiche fino a 80-100 km/h. In questo contesto la neve cadrà copiosa sulle Alpi sopra i 1000-1100 metri, sugli Appennini dai 1300 metri. Successivamente avverrà un cambio radicale delle condizioni meteo. Da venerdì 12 e soprattutto dalla giornata di San Valentino una poderosa irruzione di aria gelida direttamente dalle steppe russe/siberiane piomberà sull’Italia. Gli eventi conseguenti si tradurranno in un repentino crollo delle temperature (anche di 10°C in pochissimo tempo) e la formazione di un ciclone sul Mar Tirreno che provocherà nevicate fin su coste e pianure del Centro-Sud. Inizierà così il periodo più freddo dell’inverno 2021. 

NEL DETTAGLIO 

Lunedì 8. Al nord: instabile sui settori alpini del Triveneto, asciutto altrove. Al centro: a tratti piovoso sugli Appennini, in serata nuovo peggioramento su Sardegna e Tirreniche. Al sud: piovaschi alternati a schiarite, ma peggiorerà fortemente in tarda serata. 

Martedì 9. Al nord: piovaschi al Nordest, più sole altrove. Al centro: maltempo su Toscana, Umbria e Lazio. Al sud: maltempo su Campania e Calabria tirrenica. 

Mercoledì 10. Al nord: maltempo, forte in Liguria, neve a 1000m. Al centro: maltempo via via più intenso su Sardegna, Toscana, Umbria, Lazio e Appennini. Neve a 1200/1300m. al Sud: in serata peggiora fortemente sulla Campania. 

Da giovedì graduale ingresso di venti siberiani, poi gelo su tutta Italia e neve. 

alternate text

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002